Cerca in Tutto Donna

lunedì 31 marzo 2014

Labbra a canotto? Zigomi a palloncino? Non è botulino. Il decalogo Aiteb sul trattamento estetico più praticato al mondo


Labbra a canotto? Zigomi a palloncino? Non è botulino
Il decalogo Aiteb sul trattamento estetico più praticato al mondo
 L'Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino fa chiarezza sulla tossina botulinica
Labbra a canotto e zigomi "a palloncino"? La conclusione a cui spesso si giunge è che è tutta colpa del botulino. «In realtà, in questi casi, la tossina botulinica non c'entra. Per dirla con una battuta, quando si parla di "punturine" si tende a fare di tutta l'erba un fascio, senza fare distinzione tra filler e botulino. Quando per esempio si parla di labbra o zigomi, il riferimento sono i filler, non certo il botulino che non viene utilizzato per trattare queste zone», afferma Massimo Signorini, presidente di Aiteb, Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino. «Ci sono casi in cui la medicina estetica viene utilizzata a sproposito, creando visi dai tratti sproporzionati e non armoniosi. Si tratta spesso di un problema di un uso erroneo ed esagerato dei filler, eseguiti assecondando richieste inadeguate o da medici poco esperti».

Aiteb ha messo a punto un decalogo per fare chiarezza sull'uso e sugli effetti del botulino, trattamento estetico più praticato al mondo:

1) l'espressione è rilassata e non rigida. Il trattamento estetico con tossina botulinica non causa un'espressione facciale rigida e fissa. Se correttamente usato da professionisti, conferisce al volto un aspetto naturale e riposato;
2) non paralizza i muscoli. La tossina botulinica rilassa i muscoli, distendendoli. Una volta iniettato, il farmaco interferisce nel rilascio delle sostanze mediatrici dell'impulso motorio tra nervo e muscolo. Questo causa un effetto di distensione della pelle e quindi delle rughe;
3) non dà dipendenza. Studi scientifici dimostrano che il corpo non sviluppa nessun tipo di dipendenza fisica dalla tossina botulinica;
4) Botox non è sinonimo di "punturina". Il Botox è il nome commerciale utilizzato negli USA da una delle aziende produttrici di tossina botulinica per uso estetico, la statunitense Allergan. Esistono altri due produttori autorizzati: l'inglese Ipsen (Azzalure il prodotto) e la tedesca Merz (Bocouture). In Italia il prodotto Allergan si chiama Vistabex;
5) non ha effetti collaterali gravi. Se eseguito correttamente il trattamento con tossina botulinica è quello con la minore percentuale di effetti collaterali o complicanze in medicina estetica. La letteratura scientifica non riporta episodi di complicanze definitive;
6) gli effetti non sono permanenti. La distensione della pelle, e quindi delle rughe, dura tra i 4 e i 6 mesi. Dopo questo periodo la fibra nervosa riprende la sua funzione senza danneggiamenti;
7) labbra e zigomi: non col botulino. Come norma generale, la parte inferiore del volto di solito è poco trattata con botulino, che è invece impiegato per ringiovanire la parte superiore, in particolare la fronte;
8) è un farmaco. A differenza dei filler che sono classificati e quindi regolamentati come dispositivi medici, il botulino è un farmaco che è utilizzato anche per il trattamento di patologie specifiche. La differenza non è di poco conto: come per tutti i farmaci, anche il botulino è sottoposto ad autorizzazione da parte degli organi statali deputati alla tutela della salute e solo dopo l'esecuzione di numerosi studi di efficacia e sicurezza;
9) è una tossina. A dosaggi elevati interagisce negativamente con l'organismo, potendo provocare danni. Per ottenere il risultato voluto occorre somministrarne una dose adeguata: dosaggi bassi non assicurano l'efficacia, dosaggi eccessivi possono essere dannosi (danni gravi si riscontrano con l'utilizzo contemporaneo di 30 flaconi). Non esiste farmaco che non sia nocivo a dosaggi eccessivi, comprese le vitamine.
10) Per tutti questi motivi, è bene che il paziente si affidi sempre a professionisti certificati: per trattare correttamente la tossina botulinica servono mani esperte.

AITEB (www.aiteb.it). L'Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino è il primo sodalizio di medici chirurghi nato con lo specifico obiettivo di sviluppare le conoscenze in merito all'uso della tossina botulinica in medicina estetica. Scopo di Aiteb è coinvolgere tutti i medici italiani interessati allo sviluppo delle metodiche riguardanti la tossina botulinica in estetica e di diventare un punto di riferimento imprescindibile per i pazienti, la stampa e le autorità sanitarie interessate a questi temi. Aiteb vuole favorire la divulgazione delle conoscenze sulla tossina botulinica per uso estetico; sostenere e incrementare il livello qualitativo nell'impiego della tossina, a beneficio ultimo dei pazienti e dei medici stessi; contribuire alla ricerca e allo sviluppo tecnico e scientifico dell'uso e della terapia con la tossina botulinica; promuovere attività formative sull'utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico, a favore degli operatori del settore; informare su rischi e benefici della terapia con tossina botulinica; promuovere gruppi di studio e di ricerca sull'utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico. Tra gli obiettivi c'è anche la redazione di linee guida diagnostiche e terapeutiche nell'area della medicina estetica e con particolare riferimento alla tossina botulinica, ma anche la collaborazione con enti pubblici o privati per progetti o attività inerenti la tossina.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI