CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




L'informazione al Femminile

Cerca nel blog

lunedì 19 febbraio 2018

Elezioni 2018: un voto e un impegno per combattere la violenza sulle donne. Al via la campagna “Lascia il segno. Quello giusto!”

Elezioni 2018: un voto e un impegno per combattere la violenza sulle donne.

Al via la campagna "Lascia il segno. Quello giusto!"

ActionAid lancia un appello alla classe politica e ai cittadini che il 4 marzo prossimo saranno chiamati alle urne. Per dire basta alla violenza sulle donne, coinvolgere il pubblico e chiedere ai candidati di tutti gli schieramenti strategie efficaci.

19 febbraio 2015 - ActionAid lancia la campagna "Lascia il segno. Quello giusto!" per mobilitare gli elettori e chiedere a partiti e candidati alle prossime elezioni di impegnarsi per fare della lotta alla violenza di genere una priorità. 

Per tutti i cittadini aderire alla campagna è semplice: basta disegnare sulla propria mano un cerchio rosso con una "X" nera, girare un video o scattare un selfie e condividerlo sui social network con l'hashtag ufficiale #lasciailsegno e la menzione di @actionaiditalia

Sul sito web di ActionAid è inoltre disponibile un kit per personalizzare i propri account social con logo e visual della campagna.

Solo in Italia, nel 2016, sono state uccise 149 donne. Almeno una volta nella vita, una donna su tre in tutto il mondo ha subito violenza fisica o sessuale. 

Si tratta di un fenomeno strutturale e trasversale a tutti i paesi e a tutte le classi sociali: la violenza sulle donne è infatti tra le violazioni dei diritti umani più diffuse. Le conseguenze possono essere diverse, fisiche, psicologiche, economiche.

Di fronte alla cronaca quotidiana di violenze contro le donne, ActionAid chiede ai partiti e ai candidati alle elezioni di garantire strategie continuative ed efficaci nel tempo, di realizzare un sistema di monitoraggio dell'utilizzo dei fondi antiviolenza e nuove e più efficienti forme di assistenza a sostegno alle donne. 

È inoltre indispensabile una rete più forte, per proteggere le donne e iniziare la battaglia culturale dalle scuole, oltre a rifiutare stereotipi e sessismo anche nel linguaggio della politica.

"Il nostro è un vero e proprio appello a stimolare un dibattito serio sul tema, coinvolgendo l'opinione pubblica e la politica. Vogliamo cambiare anche i comportamenti delle persone, non soltanto politiche e leggi. ActionAid sostiene le donne e le ragazze nella sfida contro le barriere di ordine socio-culturale che sono all'origine della violenza e le aiuta a identificare i cambiamenti che vorrebbero attuare nelle loro case e nelle loro comunità. Lavoriamo anche nelle scuole, proprio perché siamo convinti che sia importante fin da piccoli capire quali sono i ruoli imposti a donne e uomini per ragioni socio-culturali e le conseguenze negative che possono avere in termini di discriminazioni e disuguaglianze di genere", dichiara Marco De Ponte, Segretario Generale di ActionAid Italia.


--
www.CorrieredelWeb.it

Italian Summit 2018 Herbalife: l'anno dei record con oltre 10.000 presenze

HERBALIFE NUTRITION – Italian Summit 2018  

L'ANNO DEI RECORD CON OLTRE 10.000 PRESENZE

Molte le novità presentate dall'azienda alla convention: ospiti vip internazionali, partnership e prodotti per festeggiare i 25 anni di Herbalife in Italia

  

Roma, 19 febbraio 2018 – Si è svolto dal 16 al 18 febbraio al Palalottomatica di Roma l'Italian Summit di Herbalife, l'appuntamento annuale che ha coinvolto oltre 10.000 membri, e durante il quale sono state lanciate le novità per il 2018 e sono stati festeggiati i primi 25 anni di Herbalife Italia. Presenti leader aziendali internazionali come Des Walsh, Presidente Mondiale di Herbalife, e Susan Peterson, distributore numero 1 al mondo. Insieme a loro, anche Edi Hienrich (Senior Vice President & Managing Director EMEA), Giuliano Sciortino (Segretario Generale Avedisco - Associazione Vendite Dirette Servizio Consumatori) e i due atleti olimpici della scherma e del canottaggio, Arianna Errigo e Giuseppe Vicino.

 

Il Summit 2018 è stata l'occasione per lanciare due nuove ed importanti partnership di Herbalife Italia. La prima in ambito sportivo con la Federazione Italiana Atletica Leggera, a cui l'azienda fornirà la sua vasta gamma di integratori, in particolare la linea H24, e darà supporto al progetto Runcard, la più grande community di runners d'Italia con oltre 50.000 iscritti. La seconda, in ambito benefico con l'apertura di Casa Herbalife anche nel Villaggio SOS di Ostuni, dopo le iniziative di Herbalife Family Foundation già promosse a Roma e Torino.

 

Herbalife Italia si conferma quindi vicinissima al mondo dello sport e a chi è meno fortunato, con particolare attenzione ai bambini. Ma le novità non sono certo finite qui. Al Summit è stato anche lanciato il nuovo e rivoluzionario prodotto Pro20 Select, studiato per coloro che prediligono gli ingredienti naturali. Il prodotto è un preparato proteico solubile in acqua al gusto di vaniglia,  adatto ai vegetariani, con un alto contenuto di proteine e fibre (rispettivamente 20 grammi e 6 grammi, a porzione), oltre che 25 minerali e vitamine (incluse le Vitamine A, B12, C, D, E, e calcio, manganese e fosforo). Inoltre, presenta un basso contenuto di zuccheri e non contiene glutine, senza lattosio, senza dolcificanti o coloranti artificiali, non utilizza ingredienti geneticamente modificati, ed è certificato Halal.

 

Infine Herbalife Italia ha presentato a tutti i membri il 2° protocollo  "Nutrizione e Integrazione Alimentare nella pratica sportiva – Sport di Resistenza", realizzato dall'Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI diretto dal Prof. Antonio Spataro, frutto della collaborazione tra il CONI e Herbalife. Secondo di quattro protocolli, suddivisi per discipline sportive (Sport  ad  impegno  aerobico, anaerobico  alternato; Sport  di  resistenza; Sport di potenza; Sport di destrezza), si tratta di un vero e proprio manuale che contiene tutti i dettagli, i consigli e le  informazioni, da un punto di vista sportivo e scientifico, per riuscire a costruire piani alimentarti corretti per chi pratica sport di resistenza.

 

Una collaborazione sempre più stretta quella tra Herbalife e il CONI: l'azienda è infatti fornitore ufficiale della Squadra Olimpica Italiana ai Giochi Invernali in corso in Corea del Sud, e ha in Arianna Fontana (vincitrice del primo oro olimpico della spedizione azzurra) la testimonial principale del Team Herbalife24. Ma non solo, perché Herbalife è presente a Pyeongchang anche con un inviato speciale: Massimiliano Rosolino, che sta raccontando "L'Altra Olimpiade" sul canale Rai Sport e sui canali social di Herbalife, un diario quotidiano per svelare i retroscena delle Olimpiadi.

 

Herbalife - anche nel 2018 – grazie a tutte queste iniziative dimostra come sia saldamente legata al mondo dello sport che rappresenta in maniera perfetta i valori aziendali del marchio leader nel settore della nutrizione: la ricerca e la promozione di uno stile di vita sano e attivo.

 

Informazioni su Herbalife Nutrition:

Herbalife Nutrition è una multinazionale che dal 1980 opera nel settore della nutrizione migliorando la vita delle persone. I nostri prodotti per la nutrizione, per il controllo del peso, per lo sport e la cura della persona sono disponibili in più di 90 paesi esclusivamente attraverso i Membri Herbalife. Siamo impegnati in tutto il mondo nella lotta all'eccesso di peso e alle cattive abitudini alimentari; offrendo prodotti di alta qualità basati sulla ricerca scientifica e realizzati principalmente in stabilimenti proprietari; promuoviamo fra i nostri clienti uno stile di vita sano e attivo anche attraverso l'assistenza personalizzata dei nostri Membri.

Sosteniamo l'Herbalife Family Foundation (HFF) e il suo programma Casa Herbalife, creato per garantire un'alimentazione sana ai bambini più bisognosi. Siamo sponsor di oltre 190 squadre, eventi sportivi e atleti in tutto il mondo, fra cui Cristiano Ronaldo, la squadra di calcio LA Galaxy e molti altri campioni e squadre di diverse discipline sportive.

In Italia Herbalife Nutrition è Fornitore Ufficiale della Squadra Olimpica Italiana (CONI) per gli Integratori Sportivi con la linea di prodotti H24, ed è Partner Nutrizionale di Arianna Fontana (Short Track), Rachele Bruni (Nuoto di Fondo), Arianna Errigo (Scherma), Giuseppe Vicino (Canottaggio), Simone Giannelli (Pallavolo), oltre che della Federazione Italiana Nuoto, della Trentino Volley, della Lega B di Calcio.

L'azienda ha circa 8.000 dipendenti in tutto il Mondo, è quotata nella borsa di New York (NYSE: HLF) e nel 2016 ha registrato un fatturato netto pari a 4.5 miliardi di dollari. 



--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 17 febbraio 2018

Assaporare davanti a un tè i segreti del benessere femminile: tornano al CAMLei di Monza i Tè della salute

ASSAPORARE DAVANTI A UN TÈ I SEGRETI DEL BENESSERE FEMMINILE:
TORNANO AL CAMLEI DI MONZA I TÈ DELLA SALUTE.

Quattro appuntamenti tra febbraio e giugno dedicati alle donne, per confrontarsi con Specialisti afferenti a diverse aree mediche in un ambiente protetto e riservato.

Monza – Informalità, un gruppo di partecipanti ristretto e specialisti pronti a dipanare ogni dubbio: sono questi gli ingredienti vincenti dei "Tè della salute" organizzati all'interno del CAMLei di Monza, momenti privilegiati per informarsi e dare risposta a tanti quesiti legati alla salute e al benessere femminili. 

Il primo incontro, al quale presenzieranno una Psicologa, un Medico di Medicina Integrata e una Neurologa, si terrà mercoledì 21 febbraio e sarà titolato Ansia, panico, stress? Coccolare il cervello per prevenirne l'invecchiamento

Sarà seguito il mese successivo da Pianeta Calcio. Osteoporosi, cartellino rosso!, che si terrà martedì 20 marzo e vedrà la presenza di una Nutrizionista, un Ortopedico e un Idrologo Medico. 

Mercoledì 18 aprile sarà la volta di Pelle: confine o territorio? Interpretarne i segnali e orientarsi tra creme e cosmetici, durante il quale le pazienti potranno confrontarsi con una Dermatologa, un medico di Medicina Integrata e una Farmacista Cosmetologa. 

Il ciclo di incontri previsti per la prima parte dell'anno si concluderà martedì 5 giugno con Stipsi e benessere ai "blocchi di partenza", condotto da una Gastroenterologa, un Medico di Medicina Integrata, una Nutrizionista e un Osteopata.

Anche per quest'anno i Tè della Salute si terranno alle ore 17.45 presso il CAMLei di via Martiri della Foibe, 7 (ang. Viale Elvezia) – Monza, con partecipazione libera e gratuita riservata a un numero ristretto di partecipanti. 

Per questo motivo risulta fondamentale iscriversi presso la Segreteria Organizzativa: Sig.ra Sara Casati T. 0392397450 – email: sara.casati@synlab.it.

I Tè della Salute costituiscono ormai da due anni un appuntamento fisso nel calendario di eventi proposti da Synlab CAM Monza all'interno del CAMLei, il primo centro medico dedicato interamente al benessere e alla salute femminile

All'interno di questo spazio riservato, viene rivolta un'attenzione specifica alle esigenze che accompagnano i momenti più delicati del percorso di vita di ogni donna, con un'unità di Ginecologia, servizi di Medicina di Genere e aree specialistiche trasversali quali Nutrizione, Medicina e Chirurgia Estetica, Senologia, Endocrinologia, Medicina Naturale, Psicologia Clinica e Psichiatria, Osteopatia.


--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 15 febbraio 2018

Donne e Politica. L’Accordo di Azione Comune per la Democrazia Paritaria

ACCORDO DI AZIONE COMUNE PER LA DEMOCRAZIA PARITARIA





L'Accordo di Azione Comune per la Democrazia Paritaria, che raccoglie oltre 60 tra Associazioni, Gruppi e Reti femminili, ha apprezzato alcune norme per la parità di genere della legge elettorale per la Camera dei Deputati e per il Senato (c.d. Rosatellum): il fatto che, sia nelle liste che tra i capilista di ciascun partito, nessun sesso possa essere rappresentato in misura superiore al 60% e che nei collegi plurinominali, a  pena di inammissibilità, le candidature debbano essere rispettare l' ordine alternato di genere, costituisce sicuramente un passo avanti verso l'equilibrio di genere nei luoghi decisionali della politica.



Tuttavia la possibilità prevista di pluricandidature (massimo un collegio uninominale e 5 collegi plurinominali) rappresenta un rischio concreto di vanificare, almeno in parte, gli effetti positivi della legge in merito alla rappresentanza femminile in Parlamento. La candidatura di una stessa donna in più collegi produce, infatti, un effetto distorto del meccanismo dell'alternanza di genere: alla donna candidata sarà assegnato un solo un collegio e, di conseguenza, in tutti gli altri, a subentrare sarà il primo di non eletti e, cioè, un uomo. 


Una tale distorta applicazione della legge conferma la necessità di continuare nell'azione per instaurare una vera democrazia paritaria. Se è vero che la democrazia non è tale se non c'è parità tra i generi, si deve constatare oggi che la parità di genere male applicata non è fonte di democrazia.



Un'altra partita importante per la realizzazione della democrazia paritaria è rappresentata dalle elezioni regionali in Lombardia e nel Lazio, dove si applica la c.d. doppia preferenza di genere, da sempre sostenuta e promossa dall'Accordo. E' questa l'occasione per incrementare la rappresentanza femminile nei Consigli regionali, esprimendo preferenze per le candidate donne, perché siamo convinte che sia necessario rinnovare l'agenda politica e intervenire con nuove istanze nel processo decisionale ad ogni livello: più donne elette significa anche capacità di iniziativa e di cura, competenza e intelligenza, attenzione e  cultura a servizio della "cosa pubblica".



Se nella storia della Repubblica le donne si sono rivelate meno coinvolte nelle pratiche di scambio e di corruzione sempre più diffuse, proprio le donne possono essere oggi il soggetto decisivo per salvare l'Italia dal degrado e avviarne la rinascita.



L'Accordo, consapevole che il coinvolgimento degli elettori e delle elettrici è fondamentale per contrastare il preoccupante fenomeno dell'astensionismo e del crescente discredito della politica, invita l'elettorato femminile a esprimere il proprio voto, oggi più che mai importante, per eleggere un Parlamento in grado di affrontare gli urgenti problemi del Paese.

per l'Accordo
Daniela Carlà e Marisa Rodano



--
www.CorrieredelWeb.it

Inizi una dieta? Ecco cosa fare oggi per evitare il bisturi domani


Inizi una dieta? Ecco cosa fare oggi per evitare il bisturi domani

"Non bisogna andare dal chirurgo plastico quando si è raggiunto il peso forma, ma prima di iniziare la dieta. Così si può evitare la sala operatoria" dice Pierfrancesco Bove, chirurgo plastico socio della Fime, la Federazione italiana medici estetici
• Quando la perdita di peso diventa notevole, o ad esempio dopo gravidanze poco "controllate", il problema reale non è più il grasso in eccesso ma la perdita di tonicità ed elasticità della cute.
• La storia di Virginia, 34 anni di Pompei, che ha perso 50 chili in un anno: "Sono dimagrita con sport, dieta e tanta tenacia. L'ultimo passo è stato in sala operatoria per rimuovere la pelle in eccesso. Oggi sono rinata".


Prima la dieta, dopo il chirurgo plastico: è il percorso abituale di chi decide di ritornare in forma. Ma non è necessariamente quello giusto. "Spesso, dopo aver raggiunto il peso desiderato, ci si accorge che il corpo non è come si sperava: il dimagrimento causa infatti degli inestetismi, legati soprattutto al cedimento dell'elasticità cutanea e alla pelle in eccesso. Una visita preliminare dal chirurgo plastico potrebbe evitare la sala operatoria" dice il chirurgo plastico Pierfrancesco Bove, socio della Federazione Italiana Medici Estetici.

Dal chirurgo plastico conviene andare non appena ci si mette a dieta: in questo modo si possono utilizzare tutti gli accorgimenti necessari per evitare gli effetti negativi della perdita di peso sul corpo, che sono risolvibili solo chirurgicamente. "In particolare, quando l'obiettivo è perdere tra i 10 e i 20 chili, ci sono accorgimenti che possono preparare la pelle al dimagrimento, rendendola più elastica" dice ancora il dottor Bove. Ecco cosa fare:

1) Evitare diete drastiche che fanno perdere molto peso in fretta: "Dimagrire molto in poco tempo è la condizione peggiore per la pelle, in quanto perde tono ed elasticità. Anche dal punto di vista del dimagrimento, c'è il rischio di recuperare in fretta quanto perso. L'ideale è una perdita di peso lenta e graduale, sia per introdurre nuovi abitudini alimentari, sia per dare alla pelle la possibilità di adeguarsi alla nuova forma. Affidarsi a un dietologo o a uno specialista dell'alimentazione è sempre la scelta consigliata" dice Bove.

2) Praticare regolarmente attività fisica. "Non basta stare attenti a tavola, è necessario introdurre da subito, ogni giorno, dell'attività fisica, anche moderata. All'inizio sarà molto difficoltoso, ma poi diventerà una piacevole abitudine che farà benissimo anche alla vostra pelle - afferma il chirurgo plastico -. Può sembrare strano a sentirsi ma perdere grasso non equivale necessariamente a perdere peso".

3) Abbinare trattamenti estetici. "Sono diversi i trattamenti che un chirurgo plastico può consigliare quando un paziente decide di dimagrire. Macchinari di ultimissima generazione corrono in nostro aiuto, come ad esempio la cavitazione, la radiofrequenza, vacum e così via. Sicuramente uno dei più consigliati è la carbossiterapia, ossia la somministrazione sottocutanea di anidride carbonica a scopo terapeutico, ideale per rimodellare il corpo e trattare la cellulite. Consente di ottenere risultati straordinari se abbinata alla dieta e alla stimolazione tissutale con la tecnica vacum e apparecchiature elettromedicali dedicate. Un'altra scelta valida è l'LPG, che consente di eliminare il grasso con una stimolazione meccanica".

4) Ricorrere al cupping, un massaggio eseguito con un'antica tecnica cinese. "In Italia è diventato famoso grazie al nuotatore Michael Phelps e oggi è praticato da molti sportivi e vip – afferma Bove -. Si tratta di un massaggio che deve essere eseguito da mani esperte per raggiungere gli obiettivi desiderati: ha molti utilizzi, tra cui quello anticellulitico e drenante. Ottimo come riducente per aiutare ad eliminare le fastidiose zone di accumulo di grasso, ad esempio le "maniglie dell'amore" per l'uomo o la coulotte de Chevall e i glutei nelle donne. Si utilizzano delle apposite coppette da applicare sul corpo, che funzionano grazie al calore creando un effetto risucchio".

Quando il dimagrimento è più consistente, di solito sopra i 20 chili, o quando l'addome è svuotato in seguito a gravidanze, in genere con aumenti di peso poco controllato, la sala operatoria è una tappa obbligata per avere il corpo desiderato. È il caso di Virginia Fontana, 34 anni di Pompei, che negli ultimi due anni ha perso 50 chili, passando da 114 a 67 chili. "Sono sempre stata sovrappeso e negli anni ho provato tantissime diete, senza risultati. Poi, due anni fa, sono andata da un dietologo e mi è scattato qualcosa: ho iniziato a dimagrire e sono andata fino in fondo" dice Virginia, che oggi racconta la sua storia sperando che possa essere d'aiuto e di ispirazione per altri.

Virginia inizia anche a praticare regolarmente attività fisica, ma questo non basta a evitare il cedimento cutaneo: "La pelle era cadente e poco tonica, soprattutto sull'addome – dice Virginia -. Non era una situazione piacevole, anche perché, dopo tutti gli sforzi, ancora non potevo togliermi la soddisfazione di avere il fisico che avevo sempre desiderato. Fin da quando avevo iniziato a dimagrire avevo pensato che il dottor Bove sarebbe stato il chirurgo che mi avrebbe operato, perché è un professionista serio e competente. E così è stato".

Virginia si è così sottoposta a una torsoplastica, intervento che si pratica quando l'eccesso di adipe non è presente solo a livello addominale ma anche nella parte posteriore del tronco e a livello dei fianchi. "Sono stata ricoverata una notte, non ho provato dolore o fastidio, ed è andato tutto benissimo. È stata un'esperienza positiva, grazie al dottor Bove e a tutto lo staff che mi sono stati vicino sia prima che dopo l'intervento. La cicatrice oggi è praticamente invisibile e si nasconde sotto lo slip, e il mio addome è piatto e tonico. Oggi posso finalmente dirmi soddisfatta".


--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 7 febbraio 2018

Teatro. San Valentino: regala un corso sull'arte di amare con lo psicoterapeuta

Roma - San Valentino: regala un corso sull'arte di amare con lo psicoterapeuta

La presentazione dei workshop sarà mercoledì 28 febbraio a Roma presso il Teatro Keiros, in via Padova 38/a. Si tratta di due incontri a distanza di 15 giorni per approfondire il proprio modo di stare nelle relazioni d'amore o di non starci.

Un regalo inusuale per San Valentino: dei workshop per scoprire come fare durare una coppia, o per chi è single come trovare sicurezza in se stessi, cosa che aiuterà a non restare single. Li conduce a teatro lo psicoterapeuta Giovanni Porta.

La presentazione si terrà mercoledì 28 febbraio a Roma presso il Teatro Keiros, in via Padova 38/A alle ore dalle 10,30 alle 17

Sabato 3 marzo - SEDUZIONE, CONQUISTA E SICUREZZA IN SE STESSI/E
Come trovare la forza di mostrarsi anche correndo il rischio di venire rifiutati.
"Occorre lavorare su se stessi – spiega lo psicoterapeuta Giovanni Porta – Ti sentiresti attratto da una donna o un uomo indeciso, insicuro, che cerca di assomigliare a qualcuno che non è? Ovvio che la risposta è no… e allora perché dovrebbe farlo l'altro? Per prima cosa occorre lavorare sull'autostima e sull'ascolto dell'altro". Si salirà sul palco per giocare e per provare in tutta sicurezza il gioco della seduzione. Una cosa che al di là della conquista della persona amata potrà aiutarci anche in tutte le relazioni personali. Mettersi in gioco per vedere davvero chi abbiamo davanti, serve e occorre farlo divertendosi con leggerezza, ma senza mai offendere, sperimentiamolo assieme".

Sabato 17 marzo - VITA DI COPPIA: ANDARE OLTRE LE ILLUSIONI SENZA PERDERE (TROPPA) POESIA
Attraversare le varie fasi delle relazioni accettando che non esistono principi azzurri e principesse incantate ma che stare insieme è un'opera d'arte che va costruita giorno per giorno.
"Lo dicevano i nostri nonni: tenere unito un matrimonio, e aggiungo io una relazione, è un lavoro – spiega lo psicoterapeuta Giovanni Porta – Se chiedete a qualsiasi coppia rodata l'elenco delle lamentazioni sull'altro sarà infinita sia da parte di lui che di lei. Come uscire da questo circolo vizioso? Come spezzare il ciclo delle abitudini, che sebbene creino sicurezza, spesso irritano l'altro?"


I laboratori si svolgeranno a Roma, al Teatro Keiros, in via Padova 38/A dalle ore 10,30 alle 17 (è prevista una pausa pranzo verso le 13,30).
Per iscriversi, è necessario scrivere una mail all'indirizzo giovanniporta74@gmail.com o chiamare il numero 3478517793.

Il costo della partecipazione al laboratorio sarà di 60 euro a incontro.

GIOVANNI PORTA
Psicoterapeuta esperto nell'utilizzo di tecniche artistiche nella relazione di aiuto, perfomer teatrale e poetico. Psicologo psicoterapeuta di orientamento gestaltico, è esperto in alimentazione e teatroterapia. Vive e lavora tra Roma e Milano. Da anni realizza laboratori e percorsi in cui l'arte viene utilizzata con finalità terapeutiche. Laureato in Psicologia presso l'Università degli Studi di Padova, si è successivamente specializzato con un master in "Utilizzo di tecniche artistiche nella relazione d'aiuto", ha una specializzazione in Psicoterapia della Gestalt presso l'I.G.F. di Roma, ed una in "Teatro e Psichiatria".


--
www.CorrieredelWeb.it

Nuovo studio sulla cellulite: «Le onde d'urto sono il metodo più efficace per combatterla»

Parigi 1 - 3 febbraio, IMCAS congresso mondiale di estetica medica

Nuovo studio sulla cellulite: «Le onde d'urto sono il metodo più efficace per combatterla»

Al congresso mondiale di estetica medica IMCAS di Parigi, presentato lo studio di Patrizia Gilardino. «Un approccio combinato permette di avere risultati importanti con un trattamento non invasivo e indolore», spiega il chirurgo estetico

Il metodo più efficace per combattere la cellulite? Le onde d'urto. 

È quanto emerso dal congresso internazionale IMCAS, appuntamento interamente dedicato alla scienza estetica, chirurgia plastica e dermatologia cosmetica che si è svolto dall'1 al 3 febbraio a Parigi. 

Davanti a esperti arrivati da tutto il mondo, Patrizia Gilardino chirurgo estetico di Milano, ha presentato uno studio sull'approccio ottimale per il trattamento della cellulite e per il rimodellamento corporeo fatto con un trattamento combinato di onde d'urto

«I risultati ottenuti sono stati decisamente significativi, con benefici visibili anche a sei mesi di distanza dalle sedute», spiega Gilardino. «Le onde d'urto sono sicuramente tra i migliori trattamenti per contrastare di cellulite, adiposità localizzata e rilassamento cutaneo. Sono il miglior trattamento se consideriamo il fatto che non sono invasive, sono indolori e non hanno effetti collaterali».

Già utilizzate per combattere i calcoli nelle vie urinarie e conosciute per la loro capacità di contrastare i piccoli accumuli di grasso, le onde d'urto hanno trovato un ampio utilizzo nel ringiovanimento della pelle e nella lotta alla cellulite. 

«Agendo direttamente sul metabolismo cellulare hanno un effetto rigenerativo importante - spiega la dottoressa -. Questo sia quando si tratta di intervenire su cellulite, sia su piccoli accumuli di grasso, ma anche per restituire tonicità alla pelle».

Nello studio presentato, la dottoressa ha suddiviso i casi in tre tipologie: con la sola cellulite, con cellulite più adiposità e con cellulite, adiposità e rilassamento cutaneo. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a trattamenti da 6 a 10 sedute e poi valutati con fotografie, misurazione delle circonferenze e stratigrafie sulla struttura del grasso. «Il risultati sono stati la riduzione delle circonferenze di un paio di cm, un attenuamento della "classica" buccia d'arancia e un miglioramento dell'aspetto del tono cutaneo. A corollario, il trattamento ha evidenziato due caratteristiche importanti: la paziente dopo 2-3 sedute percepiva al contatto una maggiore elasticità del tessuto cutaneo; sei mesi dopo il trattamento i risultati si sono mantenuti. E possono continuare a migliorare nel tempo con un minimo di mantenimento». 

L'approccio di Gilardino è stato combinato, ovvero ha unito l'utilizzo delle onde radiali a quello delle onde planari. «Le due tipologie di onde differiscono nella capacità di operare più o meno in profondità: le prime intervengono più in superficie, con le seconde è possibile arrivare nel sottocute - spiega -. A seconda delle problematiche da affrontare, ho formalizzato sei protocolli che differiscono per l'uso dei manipoli e la preferenza di un tipo di onda all'altra».

Il trattamento è stato fatto con uno speciale apparecchio che prevede l'utilizzo di diversi manipoli. «Il ricorso all'uso di onde planari e/o radiali ha dipeso dalle esigenze specifiche della paziente: a seconda delle problematiche da risolvere. Inoltre, grazie a specifici manipoli, si è potuto intervenire in modo puntuale andando, per esempio, a operare direttamente sui "buchini" provocati dalla cellulite. Ogni seduta è stata aperta e chiusa con un piccolo trattamento con onde vibratorie; queste non sono onde d'urto, ma permettono di preparare i tessuti, drenare la pelle ed eliminare le scorie alla fine». Conclude Gilardino: «Con cicli da 6 a 10 sedute a cadenza settimanale è possibile vedere i miglioramenti già nel corso del trattamento. Il risultato completo si ha a distanza di tre mesi dall'ultima seduta».

Patrizia Gilardino - profilo professionale. Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell'Università degli Studi di Milano nel 1993. Iscritta all'Ordine dei Medici di Milano dal 1989, ha lavorato fino al 2003 all'Unità Funzionale di Chirurgia Plastica dell'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. Esercita la libera professione al Poliambulatorio della Guardia di Finanza di Milano, al Centro Dermatologico Europeo, nel proprio studio di via Colonna a Milano e nello studio di via Colombo 44 a Piacenza. È membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chirurgia plastica. È socio Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica) ed è iscritta all'Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe). 


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *