Cerca in Tutto Donna

lunedì 9 giugno 2014

Codacons e Difesa del Cittadino su donne discriminate sul lavoro: in Italia 8 su 10


Pari opportunità. MDC e Codacons presentano i risultati dell'indagine "Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista".
8 donne su 10 discriminate sul lavoro ed escluse dalla vita politica, economica e sociale del Paese.
L'Italia è un Paese che punta sugli uomini: mansioni dirigenziali, rappresentanza politica, migliore trattamento economico, lavorativo e sociale. Ruolo ancora marginale invece per le donne: gli italiani sono concordi nel ritenere che la discriminazione di genere sia un fenomeno che c'è e pesa.
Sono questi i dati emersi dall'indagine conoscitiva condotta da Movimento Difesa del Cittadino (MDC) e Codacons nell'ambito del progetto "Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista", finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Quasi la totalità degli intervistati ritiene che siano gli uomini a occupare ruoli di rilevanza all'interno di enti, aziende, associazioni e circa un intervistato su tre ritiene le donne siano poco rappresentate nella sfera politica e istituzionale.
La percentuale si alza per la percezione della discriminazione di genere in ambito lavorativo, economico e sociale fino a raggiungere l'80% della popolazione.
Da un punto di vista lavorativo infatti la differenza occupazionale riguarda ben 10 punti percentuali tra uomini e donne, con picchi maggiori al sud. L'analisi congiunta per sesso e fasce d'età suggerisce che la duplice condizione di donna in giovane età è penalizzante per l'accesso nel mondo del lavoro. In particolare sono 4 gli aspetti su cui si è concentrata l'indagine: accesso al mondo del lavoro, possibilità di carriera, differenziale salariale e livello contrattuale a parità di mansione e titolo di studio.
Tra questi il 65% ritiene che gli aspetti più problematici siano proprio la possibilità di carriera e l'accesso al mercato del lavoro, cause principali la maternità, se non accompagnata da strumenti di tutela idonei, e un'idea ancora troppo stereotipata della donna legata a un fattore culturale.
Più della metà degli intervistati ritiene che le tutele esistano ma non vengano correttamente applicate, ma nello specifico non sono a conoscenza delle leggi e delle agevolazioni in materia. Ma il dato più interessante è che il 70% dichiara di aver avuto esperienza diretta o indiretta di discriminazione di genere a lavoro, 8 donne su 10 a questa domanda hanno purtroppo risposto affermativamente.
Politiche rivolte alle famiglie come l'ampliamento e il miglioramento dei servizi per l'infanzia, un potenziamento delle istituzioni che promuovono la parità di genere ma soprattutto una svolta culturale e sociale: queste le possibili soluzioni proposte dai cittadini.
A livello europeo l'Italia è agli ultimi posti per tasso di occupazione femminile e rappresentanza politica, anche se qualcosa nell'ultimo anno sta iniziando a muoversi. I vicini europei, sulla scia dei programmi di promozione delle pari opportunità dell'Unione Europea, hanno iniziato ad adottare diverse misure per favorire l'imprenditoria femminile e applicare il principio della parità di genere. Molte le best practices che emergono dall'indagine e che tracciano il giusto percorso da seguire in futuro.
Infine, sempre in riferimento alla situazione italiana, va sottolineato il caso virtuoso delle associazioni, laboratori di democrazia e promozione delle diversità. Sono sei grandi associazioni nazionali quelle prese in esame nell'indagine per numero di iscritti e presenza femminile nei ruoli dirigenziali e il dato emerso è che 4 su 6 coinvolgono le donne da questo punto di vista sia a livello nazionale che regionale.
"Una vera e propria sfida sociale quella che abbiamo condotto con questo progetto – dichiarano Movimento Difesa del Cittadino e Codacons - che ha messo a disposizione delle donne tanti strumenti utili e portato a conoscenza di leggi di tutela. La nostra associazione proseguirà il suo impegno su questo importante tema perché c'è ancora molto da fare per sensibilizzare istituzioni e imprese".

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI