CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




L'informazione al Femminile

Cerca nel blog

martedì 22 luglio 2014

Bellezza, i consigli dei chirurghi plastici per i trattamenti last minute prima delle vacanze


Al corso organizzato a Padova e patrocinato dall'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica, chirurghi plastici, farmacologi e dermatologi hanno parlato di novità e degli interventi consentiti anche in estate
Ringiovanire si può, anche alla vigilia della partenza per il mare. Di novità, tecniche e trattamenti ammessi nella stagione più calda e soleggiata dell'anno si è parlato al corso "Controversie, arte e tecnologia nelle correzioni estetiche facciali", che si è tenuto a Clinica Città Giardino a Padova con il patrocinio dell'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe). «Oggi i pazienti ricercano trattamenti e procedure sempre meno invasive e con poca convalescenza, con un risultato naturale e rispettoso della singola identità - dice Alessandro Casadei, tesoriere di Aicpe e direttore del corso -. Non bisogna dimenticare, tuttavia, che i trattamenti mini invasivi danno risultati temporanei, che risultano soddisfacenti solo in caso di invecchiamento non troppo accentuato. Per risultati definitivi e naturali, l'unica soluzione valida resta il bisturi che però prevede tempi di recupero piuttosto lunghi e che vanno quindi programmati con anticipo».

Al corso di Padova, promosso dal Laboratorio di Esperienze in Chirurgia Estetica, hanno partecipato farmacologi, dermatologi e chirurghi plastici: «L'approccio multidisciplinare rispecchia quello della cura della persona, che non è unico appannaggio di pochi specialisti, ma ricerca di qualità ed eccellenza in diversi campi – afferma Casadei -. Per questo non si è parlato solo di trattamenti di bellezza, ma di tutto quello che può migliorare il benessere di una persona, e di conseguenza il suo aspetto, a cominciare dall'assunzione di nutraceutici (alimenti con una funzione benefica per la salute) e dall'uso di cosmeceutici (l'unione tra un cosmetico e un prodotto farmaceutico) per migliorare non solo la guarigione, ma per raggiungere un reale stato di benessere».

Per chi è prossimo alla partenza per le vacanze e vuole fare qualche trattamento di bellezza last minute per il viso, è possibile ancora qualche soluzione: «Esistono nuovi trattamenti con peeling a base di sostanze che non "bruciano" la pelle lasciando croste, ma la stimolano per tonificarla, così come in modo più intenso può fare la radiofrequenza- spiega Casadei -. Queste procedure non invasive possono essere effettuate anche nel periodo estivo, in quanto è sufficiente evitare l'esposizione diretta e prolungata al sole per 48 ore».

Tra gli altri trattamenti che si possono eseguire anche alla vigilia della partenza ci sono poi le iniezioni di filler e tossina botulinica, che distendono le rughe conferendo al viso un'espressione più rilassata. Durante il corso sono state illustrate dal vivo, tra l'altro, le nuove tecniche metodologiche nell'impianto di filler di acido ialuronico di ultima generazione, con materiali più fluidi e malleabili per ottenere un armonico modellamento, e si è parlato anche dei fili riassorbibili per il riposizionamento dei volumi facciali con metodiche all'avanguardia. Tutte procedure a carattere ambulatoriale nelle quali si usano poche gocce di anestesia locale, che possono essere eseguite evitando l'esposizione diretta e prolungata al sole per 48 ore.

«Ricordo però - aggiunge Emanuele Bartoletti - proboviro di Aicpe e segretario della Società Italiana di Medicina Estetica (Sime) - che la medicina estetica non è una "medicina per l'estate" e che quindi è cura del paziente, dietro supporto del medico, gestire e mantenere il risultato ottenuto durante l'inverno. Quindi sempre attenzione a non esporsi al sole nelle ore più calde della giornata, ad usare sempre un filtro solare elevato (50+) soprattutto su viso, collo e decolleté e a non abbandonare mai la cosmetica prescritta dal medico estetico per mantenere la pelle idratata e in buono stato anche se esposta ai noti stress atmosferici estivi».

Grande interesse hanno suscitato al corso le novità sull'applicazione in estetica facciale dei fattori di crescita e la futura possibilità di utilizzare trattamenti cellulari per la rigenerazione del derma, la parte più profonda della pelle. «Se il paziente desidera qualcosa di più definitivo potrà sempre ricorrere al trasferimento di grasso, metodica sempre più diffusa per il ripristino volumetrico del volto – aggiunge il tesoriere di Aicpe -. Il tutto sempre nel rispetto della filosofia espressa, ossia riportare i volumi dove erano un tempo e riempire le depressioni con materiali naturali, tutto attraverso metodiche poco o non invasive che permettano di specchiarci con un viso "riposato"».

AICPE L'Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), la prima in Italia dedicata esclusivamente all'aspetto estetico della chirurgia, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza. Ad AICPE, che è gemellata con l'American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS), la più importante società di chirurgia estetica al mondo, hanno aderito oltre 200 chirurghi in tutta Italia. Membri di Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, che aderiscono a un codice etico e di comportamento da seguire fuori e dentro la sala operatoria. L'associazione ha elaborato e pubblicato le prime linee guida del settore, consultabili sul sito internet, in cui si descrive il modus operandi dei principali interventi. Scopo di AICPE è tutelare pazienti e chirurghi plastici in diversi modi: disciplinando l'attività professionale sia per l'attività sanitaria sia per le norme etiche di comportamento; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica. Tra gli obiettivi c'è anche l'istituzione di un albo professionale nazionale della categoria.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.