Cerca in Tutto Donna

venerdì 24 ottobre 2014

10 alimenti che facilitano il dimagrimento

Ecco una lista di dieci alimenti, anzi macro famiglie di alimenti, che aiutano a dimagrire e ad avere un metabolismo più veloce, per non accumulare grassi in eccesso.

10 alimenti che fanno dimagrire

Non sempre è necessario mettersi a dieta per perdere peso. Specialmente se dovete dimagrire di pochi chili è necessario solo prestare un po’ di attenzione nella scelta degli alimenti e cercare di fare del sano movimento fisico quotidiano. Ci sono, infatti, dei macro gruppi di alimenti che contribuiscono ad un naturale dimagrimento, aiutandoci a perdere il peso in eccesso per ritrovare la nostra forma fisica ottimale.


1. Acidi grassi monoinsaturi
- Mandorle: Una mandorla contiene solo 7 kcal ed è ricca di proteine e grassi saturi, un’ottima combinazione che impedisce i picchi glicemici nel sangue, che portano a mangiare in eccesso. Come mangiarle? Intere come spuntino o a pezzettini nell’insalata.
- Avocado: Frutto ricco di grassi saturi, rilascia degli ormoni che stimolano più a lungo il senso di sazietà. Questo è stato osservato e preso in considerazione dai ricercatori, che hanno notato che le persone che introducevano l’avocado all’interno di una dieta povera di zuccheri perdevano peso allo stesso modo di chi non lo inseriva nel suo regime alimentare. Come mangiarlo? Fatto a cubetti con delle patate al forno.
- Olio d’oliva: Ricco di antiossidanti, combatte attivamente le malattie croniche. Utilizzato come condimento, aiuta a sciogliere il grasso depositato sulla pancia. Come assumerlo? Mescolandolo con aceto, sale e pepe è un perfetto condimento per l’insalata.

2. Proteine
- Uova: Due uova grandi contengono 12gr di proteine in più rispetto alle normali esigenze quotidiane. In realtà, studi recenti hanno rivelato che le donne che iniziano la loro giornata con una colazione a base di uova perdono peso molto più velocemente di chi mangia un bagel di prima mattina. Come mangiarle? In camicia sopra del pane integrale tostato o sodo come spuntino. 
- Yogurt greco: Grandi apporti di energia e un vasto apporto di proteine, questo ci offre lo yogurt greco. Solo 200 grammi di prodotto forniscono circa 20grammi di proteine, pari alla quantità apportata da mezzo petto di pollo. Come mangiarlo? Con una spruzzata di miele o come condimento sostituto alla maionese nell’insalata di tonno.
- Quinoa: Grano groccante ricco di proteine, ben 8 grammi per tazza cotta. Inoltre la quinoa è un’importante fonte di magnesio, il minerale che migliora fortemente il sonno. Come mangiarla? Con qualsiasi condimento altrimenti designato per pasta o riso.

3. Carni magre
- Macinato magro: L’hamburger non è di certo salutare, ma se ne scegliamo un tipo composto al 85-95% di carne magra, può addirittura aiutare a dimagrire. Come? Le proteine preservano naturalmente la massa muscolare, secondo gli esperti, e più muscolo si ha, più il corpo brucia le calorie. Alcuni ricercatori australiani hanno recentemente scoperto che le donne che mangiavano carne rossa magra sei volte alla settimana hanno perso il 25% di peso in più rispetto a chi non ha introdotto questo alimento. Come mangiarle? Nel sugo degli spaghetti.
- Maiale: Chi cena con carne suina avverte un senso maggiore di sazietà, almeno secondo quanto rivelato dai ricercatori della Purdue University in Indiana. Il motivo è questo: una porzione di 80 grammi di carne magra di maiale contiene solo 122 calorie e ben 22 grammi di proteine sazianti. Come mangiarlo? In polpette o nel chili.

4. Fibre
- Mele: Una mela di media contiene più di 4 grammi di fibra. Non ci si stupisce, infatti, che i ricercatori dell’Università di Penn State hanno scoperto che le persone che mangiano una mela prima di ogni pasto consumano il 15% di calorie in meno rispetto a quelle che non lo fanno. Le mele, inoltre, sono un’ottima fonte di antiossidanti. Come mangiarle? Intere o a spicchi, con una spolverata di cannella e scaldate per un minuto al microonde.
- Farina d’avena: Uno dei più alti tassi di sazietà è garantito da questo alimento, se utilizzato per la colazione. Questo alimento integrale viene digerito più lentamente rispetto agli altri carboidrati, mantiene la glicemia bassa e allontanando la fame nervosa. Una tazza apporta ben 8 grammi di fibra, un terzo del fabbisogno quotidiano. Come mangiarla? Cotta e condita con frutta o aggiunta nel mix per il polpettone.

5. Fagioli
- Fagioli neri: Ricchi di proteine e forniscono una buona dose di fibre e carboidrati complessi. La fibra aiuta il cibo a muoversi in modo più veloce durante la digestione, prevenendo la stitichezza. Come mangiarli? Con un’insalata nel taco o all’interno di una salsa.
- Lenticchie: Grande fonte di fibra solubile, questi legumi sono dei validi alleati per combattere il colesterolo cattivo, aiutando ad eliminarlo dal corpo. Numerosi studi dimostrano che questa fibra contribuisce a una naturale perdita di peso, frenando la fame nervosa. Come mangiarle? Cotte, come contorno a pesce o pollo alla griglia.

6. Vitamina C
- Clementine: Con solo 35 kcal ciascuna, sono un frutto che ci aiuta a saziare la nostra golosità. Sono ricchi di vitamina C che migliora il tono della pelle, aumentando la nostra naturale bellezza e aiutando a combattere raffreddori e malattie stagionali. Come mangiarle? Come spuntino.
- Pompelmo: Basso contenuto calorico, bandisce gonfiore e costipazione. Inoltre il pompelmo combatte i danni dei radicali liberi, riducendo il rischio di malattie cardiache. Come mangiarlo? Tagliato a fette e mescolato con altri agrumi.

7. Omega-3
- Salmone: Pesce tra i più ricchi in acidi grassi Omega 3, noto per migliorare salute del cuore e del cervello, ha anche un effetto dimagrante. Gli studi dimostrano che aiuta il corpo a costruire e mantenere la massa muscolare magra. Come mangiarlo? Fresco alla piastra o al forno.
- Sardine: Piccoli pesci in scatola molto economici, le sardine sono ricche di proteine e di acidi grassi Omega 3: due alleati che aiutano il fisico a restare più magro. Come mangiarle? Su dei creackers integrali o in insalata.

8 Verdure a foglia verde
- Cavolo nero: Ricco di antiossidanti, povero in calorie, il cavolo nero è un ortaggio decisamente salutare. Con il suo grande apporto di acqua, contribuisce notevolmente a far perdere peso (si stima che una donna che assume questa verdura riesca a perdere il 23% in più di chi non lo fa). Come mangiarlo? Saltato in padella con un cucchiaino di olio d’oliva.
- Spinaci: Crudi contengono pochissime calorie, inoltre un piatto di spinaci freschi apporta il 200% della vitamina K necessaria al fabbisogno giornaliero. Come mangiarli? Crudi e all’interno di un panino.

9. Antiossidanti
- Mirtilli: c'è meno di una caloria in un mirtillo, ma queste piccole bacche hanno il più alto livello di antiossidanti di qualsiasi frutto, secondo la ricerca US Department of Agriculture. Come mangiarli? Da soli o con pancakes o nei muffins.
- Tè verde: Bevanda legata da sempre alla lotta contro il cancro, inoltre dà un’importante sferzata al vostro metabolismo, rendendolo più veloce e aiutando il vostro corpo a bruciare più calorie. Come assumerlo? Bere una tazza calda o fredda, con un cucchiaino di miele se necessario.
- Melograno: Semi e polpa rossa dei melograno sono ricchi di acido folico e antiossidanti e contengono pochissime calorie. Come mangiarlo? Da solo o cospargendo i semi nell’insalata.

10. Spuntini intelligenti
- Popcorn: Le persone che mangiano come snack i popcorn hanno 250% in meno di fame di chi non lo fa. Come mangiarli? Saltandoli con olio di palma (preferibilmente) o olio d’oliva, sono ottimi se cosparsi di cannella (versione dolce) o con del peperoncino in polvere (snack piccante).
- Parmigiano: Chi mangia una porzione quotidiana di latte intero tende a pesare di meno di chi opta per prodotti fatti con latte scremato o parzialmente scremato. Gli esperti attribuiscono questo all’acido linoleico contenuto nel latte intero. Grazie a questo alimento si mantiene più massa muscolare, aiutando a bruciare più calorie. Come mangiarlo? Grattuggiato su verdure al forno.
- Peperoncini: Queste verdure piccanti contengono capsaicina, un composto unico che aiuta ad aumentare il metabolismo. Come mangiarli? Tritati e saltati aggiunti a tacos, stufati e salse.


Fonte fotografica | Pinterest

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI