CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




L'informazione al Femminile

Cerca nel blog

giovedì 29 maggio 2014

Pari opportunità nei prestiti in banca? Vincono ancora gli uomini



SuperMoney – SuperMoney è l'unico portale web in Italia a permettere, in un solo sito, il confronto e la richiesta on line di prodotti bancari, assicurativi, utilities (telefonia ed energia). Grazie a SuperMoney è possibile risparmiare su assicurazioni auto, mutui, prestiti, conti correnti e conti deposito, tariffe energetiche e tariffe telefoniche. Leader di mercato nel proprio settore, SuperMoney è l'unico portale in Italia certificato da parte dell'Autorità Garante per le Comunicazioni (AGCOM) per la capacità di fare confronti veritieri e corretti sulle tariffe di telefonia e internet.

PARI OPPORTUNITÀ NEI PRESTITI IN BANCA? VINCONO ANCORA GLI UOMINI
Osservatorio SuperMoney: a parità di condizioni, 7 richieste di prestiti su 10 arrivano da uomini, alle donne non resta che accontentarsi di importi più bassi.

L'età media è la stessa e omogenea è la distribuzione geografica, eppure le "quote rosa" non arrivano nemmeno al 32%: per le richieste di prestiti vincono ancora gli uomini. La differenza tra i generi si vede anche negli importi dei finanziamenti: anche qui i consumatori sono più fortunati delle consumatrici, con richieste da 17 mila euro contro i 15 mila euro delle donne. Le finalità? In testa liquidità, ristrutturazione casa e acquisto di auto nelle richieste di entrambi i sessi.

***

Milano, 29 maggio 2014 – Pari opportunità forse sì, ma non nell'accesso al credito: le "quote rosa" coprono solo il 32% delle richieste di prestiti e le donne devono accontentarsi di importi più bassi. Questi i dati al centro dell'ultima ricerca dell'Osservatorio SuperMoney, sito di comparazione online di prestiti, che ha analizzato tutte le richieste di finanziamento pervenute al portale da gennaio 2014 a oggi.

I numeri parlano chiaro: su 10 italiani che chiedono un prestito solo 3 sono donne. Gli uomini sono il 68% del totale e richiedono importi più alti dell'11%, ovvero 17 mila euro contro i 15 mila delle donne.

Del resto, se non ci sono pari opportunità nell'accesso al credito forse è anche perché le donne guadagnano meno. Come recentemente dimostrato anche da Bankitalia, infatti, le retribuzioni delle lavoratrici sono più basse di quelle dei loro colleghi a parità di qualifica: circa 1.400 euro contro 1.800 al mese.

Eppure, se non consideriamo il sesso, gli identikit dei richiedenti sono omogenei. Non vi è nessuna differenza per l'età media, che si assesta sui 50 anni sia per gli uomini che per le donne. Non incide nemmeno la provenienza geografica: tra Nord, Sud e Centro Italia i dati non mostrano variazioni significative, se non per i picchi registrati in Basilicata, dove gli uomini chiedono gli importi più alti (27.268 euro) e in Valle d'Aosta, dove le donne si accontentano di quelli più bassi (8.800 euro).

Uomini e donne cercano finanziamenti anche per le stesse finalità, ovvero per disporre di una maggiore liquidità, per ristrutturare casa (con la complicità degli ecobonus) e per l'acquisto dell'auto. A penalizzare le donne rispetto agli uomini potrebbero essere quei 400 euro in meno in busta paga e il fatto di possedere pochi beni durevoli. Che siano loro le vere vittime della crisi o è solo un retaggio culturale?

"La nostra indagine dimostra che c'è ancora molto da fare nel nostro Paese per raggiungere la piena parità fra uomini e donne – commenta Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di SuperMoney – Tuttavia, la maggiore difficoltà nell'accesso al credito non è un peccato originale del sistema bancario, semmai la spiacevole conseguenza del diverso regime di retribuzione dei lavoratori e delle lavoratrici".

"È importante, comunque, che gli istituti di credito svolgano il loro ruolo nell'accompagnare le donne nel loro sviluppo professionale. Penso non solo al credito al consumo, ma a tutti i finanziamenti dedicati all'apertura di un'azienda e alle iniziative per il microcredito – conclude Manfredi – Anche da queste passerà necessariamente il rilancio della nostra economia".  

 

Nota metodologica:          
Campione considerato: circa 120 mila richieste di prestiti pervenute al portale SuperMoney 
http://prestiti.supermoney.eu/ da gennaio 2014 a oggi. Non si tratta di un campione rappresentativo della popolazione italiana. I dati Bankitalia si riferiscono all'Indagine delle famiglie italiane pubblicata a gennaio 2014.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.