Cerca in Tutto Donna

giovedì 22 maggio 2014

25 maggio, Giornata mondiale dell'Africa: Green Cross con le donne per la sicurezza alimentare


25 maggio, Giornata mondiale dell'Africa
Green Cross con le donne per la sicurezza alimentare
Diaya è una lavoratrice agricola che coltiva pomodori, sorgo e patate in un piccolo pezzo di terra del villaggio di Bokhol, nella regione di Saint Louis, in Senegal. Il suo raccolto molto presto le permetterà di avere una quantità sufficiente di cibo e persino un reddito extra per poter pagare le rette della scuola dei suoi bambini. In occasione della Giornata mondiale dell'Africa, che si celebra domenica 25 maggio, Green Cross racconta un altro significativo successo del progetto "Freddas - Terre di confine", avviato in Senegal con il contributo della Cooperazione italiana allo Sviluppo e il sostegno di L'Erbolario, attraverso la campagna "Ibisco, un fiore per l'Africa".
Storie come quella di Diaya dimostrano quanto l'agricoltura sia fondamentale per il futuro dell'Africa, soprattutto per le piccole realtà locali come il villaggio di Bokhol, dove sono le donne a crescere i figli, lavorare la terra e portare avanti l'economia familiare.
È a loro che il progetto "Freddas - Terre di confine" si rivolge. In Senegal Green Cross ha già realizzato due pozzi per l'irrigazione, assegnato terreni coltivabili, distribuito sementi e attrezzi agricoli a 158 famiglie. Ma soprattutto ha messo in discussione la scarsa presenza femminile negli incarichi più importanti: oltre 20 donne ora partecipano ai processi decisionali e ricoprono ruoli di responsabilità all'interno del villaggio, come per il comitato di gestione del progetto in cui presidente e tesoriere sono due donne. E grazie alla campagna "Ibisco, un fiore per l'Africa" è stato possibile creare una maggiore consapevolezza sui diritti delle donne, contribuire a superare i pregiudizi e valorizzare le diversità di genere.
Obiettivo quasi raggiunto, ma c'è tanto ancora da fare. Molto presto sui nuovi terreni saranno realizzati sistemi di irrigazione goccia a goccia alimentati da pannelli fotovoltaici, che permetteranno di incrementare le rese dei raccolti e di conseguenza il reddito e l'alimentazione delle famiglie. Saranno allestite anche delle "chambre à froid (camere del freddo)", per migliorare i tempi di conservazione degli alimenti e consentire alle donne di vendere i prodotti agricoli nei mercati più lontani.
L'accesso alla terra e alle altre risorse naturali è la premessa per vincere la povertà e migliorare le condizioni di salute in Africa. Green Cross continuerà a fare la sua parte: grazie ai progetti della Ong migliaia di famiglie sono state raggiunte in Burkina Faso, Costa d'Avorio, Ghana e Senegal. Solo nel 2013, nel villaggio senegalese di Gouriki Samba Diom (nella regione di Matam), è stato possibile rendere fertili 400mila metri quadrati di terreno abbandonato.
Il team di Green Cross sta lavorando per replicare il successo del progetto Freddas in altri villaggi.  «Le donne che vivono nelle aree rurali sono partner essenziali nella lotta contro la fame e la povertà», dichiara il presidente di Green Cross Italia Elio Pacilio. «Vogliamo creare una piattaforma di cooperazione e decisione che tenga conto delle loro esigenze nei diversi Paesi dell'Africa. Perché la loro esperienza possa contribuire a indirizzare il continente sulla via del futuro che tutti vogliamo: equo, sostenibile, pulito e a beneficio di tutti gli africani».

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI