Cerca in Tutto Donna

venerdì 9 ottobre 2015

Divario retributivo tra uomini e donne: il Parlamento europeo chiede misure vincolanti per ridurlo

In una risoluzione non legislativa votata giovedì, il Parlamento ha evidenziato come, nonostante la direttiva UE del 2006 sulla parità tra uomini e donne nel mercato del lavoro, le differenze di salario persistano e siano addirittura in crescita. Poiché gli Stati membri non hanno migliorato le norme in materia di pari opportunità, i deputati sollecitano la Commissione a presentare una nuova normativa che preveda "mezzi più efficaci per vigilare sull'attuazione e l'applicazione della direttiva negli Stati membri".

La risoluzione è stata approvata con 344 voti favorevoli, 156 contrari e 68 astensioni. 
"La parità di retribuzione a parità di lavoro è un principio equo che deve essere valorizzato da tutti i datori di lavoro. Oggi non è così, e questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di una legislazione migliore", ha detto la relatrice Anna Záborská (PPE, SK).

Nel testo si ricorda come gli Stati membri siano spesso lenti ad applicare e a far rispettare il principio di parità di retribuzione e come il divario salariale e pensionistico tra uomini e donne si attesti in media sul 16,4% e 38,5 (dati Eurostat 2013) in tutta l'UE, con significative differenze tra i paesi.
Solo nei Paesi Bassi e in Francia, il recepimento della direttiva nel diritto nazionale sembra essere "sufficientemente chiaro e conforme", come riporta una relazione della Commissione europea sull'applicazione della direttiva del 2006. Il divario retributivo di genere risulta più ampio in Italia, Estonia, Austria, Germania, Repubblica Ceca e Slovacchia e più ristretto in Polonia, Malta e Slovenia.

Richiesta di misure sanzionatorie
In considerazione della mancanza di progressi per colmare il divario salariale tra uomini e donne, i deputati propongono audit salariali obbligatori per le grandi società quotate in borsa e possibili sanzioni a livello europeo in caso di non conformità (come ad esempio escludere le società dagli appalti pubblici di beni e servizi finanziati dall'UE e sanzioni pecuniarie per i datori di lavoro che non rispettano la parità salariale. 

Inoltre, la risoluzione chiede:
       un sistema di classificazione professionale chiaro e armonizzato,
       criteri oggettivi per comparare il lavoro di "pari valore",
       la trasparenza dei salari (per individuare e discriminazioni salariali),
       assistenza legale gratuita alle vittime delle discriminazioni,
       il divieto di qualsiasi discriminazione basate sull'orientamento sessuale e l'identità di genere,
       la conciliazione tra lavoro e vita privata (impedire il licenziamento ingiusto durante la gravidanza), e
       misure per intensificare la partecipazione delle donne nel processo decisionale.

Contesto 
Il Parlamento europeo ha chiesto ulteriori azioni per rendere più efficaci le norme sul salario equo contenute nelle risoluzioni votate nel 2008, 2012 e 2013.
Procedura: risoluzione non legislativa

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI