Cerca in Tutto Donna

martedì 14 luglio 2015

Esclusiva VANITY FAIR: Michelle Hunziker: «Noi litighiamo. Voi no?»

Un diverbio in auto, e subito tutti a dire che si stavano lasciando. La conduttrice, che sulla copertina di Vanity Fair per la prima volta si fa fotografare con la sua famiglia, risponde al gossip dell'estate che li vuole «separati in casa». Assicurando che l'amore con Tomaso Trussardi è sempre più profondo. Perché, come in ogni coppia, si discute.

Michelle Hunziker ha cambiato passo. La ragazza della Tv dall'atteggiamento un po' svampito, quella del «Ma ciao!», ha lasciato il posto a una donna matura che in due anni – con le maternità di Sole e Celeste, e il matrimonio con Tomaso Trussardi – ha rivoluzionato la propria vita. Anche il sorriso, quando le scappa, ora è più genuino. Se per la primogenita Aurora Ramazzotti, ormai maggiorenne, Michelle è stata una mamma-sorella, con le altre bambine, che qui per la prima volta lascia fotografare, ha un piglio da educatrice svizzera.
E, seduta a gambe incrociate sulla poltrona di pelle, come un capo indiano, non ci prova neanche a cambiare discorso quando affrontiamo la presunta crisi di famiglia di cui hanno scritto i giornali. Ogni tanto, nella dépendance della villa con piscina presa in affitto per l'estate a Pietrasanta dove la incontriamo per il servizio di copertina di Vanity Fair, in edicola da mercoledì 15 luglio, irrompe Tomaso. Coccola Celeste, controlla Sole, si ferma e dice la sua: «Ho imparato che il manager bravo è quello che risolve i problemi, ma il manager che dura più a lungo è quello che li crea. Perché può accendere e spegnere l'incendio a suo piacimento. Ecco come si comporta con noi la stampa rosa».

Michelle, è così?

«Siamo in estate, cosa c'è di meglio che raccontare di un amore finito? Non faccio la sportiva, perché la verità è che il callo a queste cose non lo fai mai. Ma bisogna considerare che esiste un ciclo del gossip, e che fa sempre lo stesso giro».In che senso?«Parte con "È scoppiata la passione tra...", prosegue con "E adesso un figlio", poi "Profumo di fiori d'arancio", e dopo "Il nuovo nido d'amore". Improvvisamente arriva "È già aria di crisi". Nessun personaggio è immune da questo trattamento».
Fa male?
«Può far male. In passato ho sofferto. Da 18 anni vivo così e ancora mi dà fastidio. Tomaso se la prende più di me. Ma è anche comprensibile che le cose girino così. Sai che palle la famiglia felice? La storia va movimentata. In ogni modo, purtroppo».

La offendono le chiacchiere?

«C'è tanto amore, e tanto lavoro, dietro a una famiglia. Quando si usano certe parole nei confronti di una coppia con due bambine piccole, bisognerebbe avere, se non rispetto delle persone, almeno le informazioni giuste. Altrimenti si getta fango sulla vita degli altri. Gli amici ti chiamano per sapere se va tutto bene, al lavoro ti danno una pacca sulla spalla: non è il massimo doversi giustificare».

Vale la pena giustificarsi?

«Beh, sì: non accetto che si raccontino balle, e non lascio le cose in sospeso. Non voglio che neanche una gocciolina di veleno si insinui nella nostra casa».

Insomma, va tutto bene?

«Camminare insieme non significa che il cielo sopra sia sempre sereno. Ma se alla base c'è un progetto, come quello che stiamo portando avanti io e mio marito, si fanno parecchi chilometri».

Senza mai una buca?

«Che rapporto è quello in cui non ci si scontra? Sicuramente è uno in cui non si vuole crescere davvero insieme. E se non costruisci qualcosa con la fatica, con l'impegno e con il confronto – anche duro – l'amore dei cuoricini non basta».

Per che cosa discutete?

«Cavolate. Le questioni importanti, quelle che ti spingono a ragionare e che magari ti fanno alzare la voce, le smaltiamo in poco. Ma gli spazi, la tolleranza, la condivisione: sono quelle le vere discussioni. Il test quotidiano».

Questa volta però tutto è partito dalle foto: vi hanno paparazzato in auto mentre litigate furiosamente.

«Avrebbero ricamato anche se avessimo avuto un'espressione stanca in spiaggia. Noi viviamo così: al ristorante i camerieri ci ronzano intorno, per strada è una litania di autografi e selfie. E io non dico mai di no. Ci tengo, è il mio lavoro. Che cosa dobbiamo fare, discutere a casa davanti allebambine? Lo facciamo tappati in auto, come tante coppie».

(...)

L'intervista completa e le foto esclusive in copertina e nel numero 28 di Vanity Fair in edicola da mercoledì 15 luglio 2015


 
Edizioni Condé Nast
Edizioni Condé Nast Spa, proprietà di Condé Nast International, è in Italia l'azienda leader nel settore dei prodotti editoriali di alta qualità. La casa editrice pubblica 13 periodici: Vanity Fair, Vogue Italia, L'Uomo Vogue, Glamour, GQ, Wired, AD.Architectural Digest, Condé Nast Traveller, Vogue Bambini, Vogue Gioiello, Vogue Accessory, Vogue Sposa, La Cucina Italiana. Condé Nast Italia ha inoltre consolidato la propria presenza sul web attraverso il lancio di 8 siti: Vanity Fair.it: 8 milioni di utenti \ Wired.it: 4.6 milioni di utenti \ Vogue.it: 2.2 milioni di utenti \ CN Live!: 18 milioni di video views \ Questi, insieme a Glamour.it, Gqitalia.it, ADtoday.it e LaCucinaItaliana.it raggiungono ogni mese oltre 20 milioni di utenti unici mensili e generano, su base mensile, oltre 210 milioni di pagine viste. (Fonte: dato censuario Webtrekk – giugno 2015).

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI