Cerca in Tutto Donna

lunedì 15 dicembre 2014

La figura femminile e il ruolo crescente di internet come comuni denominatori globali in tema di igiene


I risultati della quarta ricerca globale SCA "Hygiene Matters" mettono in luce le dinamiche specifiche dei vari Paesi. Gli italiani particolarmente attenti all'igiene e generalmente insoddisfatti delle condizioni dei servizi pubblici.


Quale ruolo gioca l'igiene nella vita quotidiana? Quanto e in che modo l'approccio all'igiene influenza i comportamenti, nei vari Paesi e tra donne e uomini?

Questi i temi affrontati nella ricerca "Hygiene Matters" commissionata da SCA, azienda globale leader nel settore dell'igiene e presente in Italia con i suoi brand TENA, Tempo, Tork, Nuvenia, Demak'Up e Libero.

 

Le donne come promotrici e punto di riferimento nella società contemporanea per i temi legati all'igiene e il ruolo crescente di internet come fonte di informazione anche in questo ambito: questi i due importanti aspetti sociali emersi dai risultati della ricerca a livello globale.


Quali aspetti differenziano particolarmente l'Italia rispetto agli altri Paesi?

L'italiano medio mostra un livello di preoccupazione per le condizioni igieniche degli ambienti che frequenta allineato alla media dei principali Paesi europei: il 20% degli italiani, il 16% dei francesi, il 19% degli inglesi e il 21% dei tedeschi, ad esempio, ha mostrato una certa apprensione nei confronti di questo aspetto.

Cosa ci differenzia dal resto del mondo?
In primis una "sensibilità" particolare per l'igiene delle persone con cui interagiamo: ben 9 italiani su 10 hanno ammesso di essersi trovati in una situazione di particolare disagio a causa delle condizioni igieniche di altre persone.
Le situazioni "no" al top della classifica? I mezzi di trasporto, causa di disagio per il 57% degli italiani, e le condizioni igieniche di colleghi / conoscenti / amici, che hanno messo in difficoltà 3 italiani su 10 (il 28%).

Altra peculiarità degli italiani? La premura particolare nel lavarsi le mani prima dei pasti (97%) e prima di cucinare (96%). Solo come terzo citato, anche se con una percentuale rilevante, si posiziona il lavaggio delle mani dopo l'utilizzo della toilette (94%).

Osservando più da vicino le attività quotidiane, in realtà 3 italiani su 5 (il 59%) sottolineano la criticità delle condizioni igieniche dei luoghi pubblici che frequentano: il miglioramento di questo aspetto contribuirebbe ad innalzare gli standard generali di igiene nel nostro Paese e porterebbe benefici nella fruizione di servizi pubblici.

Dalla ricerca, infatti, è emerso che l'italiano medio evita, ad esempio: l'utilizzo di un bagno pubblico (1 su 2), l'utilizzo della doccia in piscina/palestra (21%), l'utilizzo dei mezzi pubblici (14%), la frequentazione di un ristorante/bar (11%).


A questo proposito, più di 1 italiano su 2 (57%) ritiene che politici e media dovrebbero occuparsi maggiormente dei problemi legati all'igiene; interessante da notare però che il popolo italiano per il miglioramento degli standard di igiene nel proprio Paese si affida più alla responsabilità individuale di ogni cittadino (33% dei casi) piuttosto che ad una legislazione adeguata in materia (21% degli intervistati).

E mettendo a confronto il sesso femminile e maschile in Italia?

Dalla ricerca emerge il profilo di una donna italiana emancipata, consapevole e particolarmente attenta e sensibile ai temi legati all'igiene, sia personale che della sua famiglia. E' il punto di riferimento privilegiato con cui trattare temi legati all'igiene, sia nel suo ruolo di partner (come riferimento quindi per il 60% degli uomini italiani) che materno (per il 55% degli uomini e il 57% delle donne).

In generale, le donne sono più sensibili degli uomini quando si parla di scarse condizioni igieniche o di percezione personale dell'igiene.
Sono le donne in maggioranza, ad esempio, che abitualmente nel Belpaese evitano l'utilizzo di un bagno pubblico (52% donne, 43% uomini), si sentono a disagio in un contesto sociale se non si sono lavate i denti (91% donne, 81% uomini) o se non hanno utilizzato il deodorante (80% donne, 63% uomini).

Famiglia, medico e internet le principali fonti d'informazione degli italiani sull'igiene

Famiglia (per il 42% delle donne e il 38% degli uomini), medico (per il 19% delle donne e il 24% degli uomini) e internet (per il 16% delle donne e il 19% degli uomini): queste le principali fonti di informazione in tema di igiene al top della classifica, per ordine di rilevanza, tra gli italiani intervistati.

Si conferma in crescita il ruolo di internet, soprattutto nella fascia d'età 16-25: il primo motivo è la ricerca di informazioni relative a problemi di igiene o salute personali (58% donne e 54% uomini), seguito da informazioni sui prodotti per l'igiene da usare o acquistare per sé e la propria famiglia (52% donne e 49% uomini).

E l'igiene sul posto di lavoro?

La ricerca ha evidenziato che in Italia nel 70% dei casi uomini e donne possono usufruire di toilette separate, anche se il 23% è insoddisfatto delle loro condizioni igieniche e più di 1 italiano su 2 desidererebbe che il proprio datore di lavoro ne avesse più  cura.

Cosa fanno gli italiani alla toilette? Il 22% parla al cellulare, il 18% si prende una pausa per stare da solo e il 14% si cambia vestiti; in casi più rari scrive sms/chat (9%), fuma (7%), legge o risponde a mail (6%), mangia (6%).
Quasi tutte attività abbastanza nella norma, considerando altre abitudini internazionali alla toilette: ben il 25% dei maschi cinesi fuma, o il 12% degli uomini inglesi d'abitudine mangia qualcosa, mentre il 29% delle donne sudafricane ha fatto una pausa in bagno per piangere e 1 inglese su 4 ha conversazioni private di persona con colleghi.


La ricerca "Hygiene Matters"
"Hygiene Matters" 2014 è la quarta edizione della ricerca commissionata da SCA (la prima nel 2008) con l'obiettivo di promuovere il dialogo globale sul tema dell'igiene e al contempo di educare e facilitare l'adozione di prodotti e misure che favoriscano il miglioramento delle condizioni igieniche e degli standard di salute nel mondo.

Questa edizione della ricerca è stata condotta nel mese di maggio 2014, commissionata da SCA e realizzata da United Minds insieme alla società di ricerche Cint.
La ricerca ha coinvolto 13 Paesi: Brasile, Cina, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svezia, Messico, Olanda, Russia, Sud Africa, Regno Unito, Stati Uniti. Rispetto all'edizione 2011 della ricerca, nel 2014 è stata esclusa l'Australia e sono stati inclusi Brasile, Italia, Spagna, Olanda e Sud Africa.

La compilazione è avvenuta via web e ha coinvolto un totale di 13.492 intervistati, principalmente residenti in aree urbane, indicativamente 500 donne e 500 uomini per mercato. Quote nazionali sono state utilizzate per ottenere un'accurata rappresentazione per fasce d'età.




Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI