Cerca in Tutto Donna

giovedì 9 giugno 2016

Trapianto di grasso, l'intervento che sta rivoluzionando la chirurgia plastica (e non solo)

Secondo i dati Aicpe in Italia crescono del 20% all'anno le richieste per l'auto-trapianto di grasso corporeo. E nascono anche delle banche per conservare le staminali che contiene

Fino a 15 anni fa si buttava, oggi è tanto prezioso da essere conservato in banca. È il grasso aspirato dai chirurghi plastici durante la liposuzione e utilizzato per il lipofilling, ossia l'impianto di tessuto adiposo nello stesso paziente per ridare volume al viso o al corpo o, grazie alle cellule staminali in esso contenute, per rigenerare i tessuti.

Con 28.500 interventi nel 2014, il trapianto di grasso autologo è l'intervento di chirurgia plastica più in crescita (+20% in un anno, dati Aicpe). Inoltre negli ultimi 5 anni sono aumentati esponenzialmente gli articoli scientifici dedicati all'argomento.

Nell'ultimo congresso organizzato dall'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), ci sono stati molti interventi su questo tema con i maggiori esperti internazionali.

«Negli ultimi anni il trapianto di grasso ha fatto grandi passi in avanti. Oggi sono molto più chiare che in passato le basi biologiche che rendono efficace questa metodica» dice il presidente di Aicpe, Eugenio Gandolfi.

Due sono gli ambiti di ricerca principali: il primo riguarda la tecnica da utilizzare per l'impianto, il secondo l'utilizzo delle cellule staminali che contiene.

«Per quanto riguarda la tecnica, oggi siamo in grado di impiantare particelle di tessuto adiposo sia in aree molto delicate, come ad esempio la palpebra inferiore dell'occhio, utilizzando una tecnica di micro o nano lipofilling, sia in ampie zone corporee come le mammelle o i glutei, ove si utilizzano metodiche di macro lipofilling in alternativa alle protesi» prosegue Gandolfi.

L'uso è confermato anche per riempire le cicatrici diminuendone la visibilità, nel restituire volume al volto e nel rimodellamento corporeo.

Oltre alla chirurgia plastica, ci sono altri ambiti della medicina in cui il trapianto di staminali da tessuto adiposo è entrato in modo significativo come l'ortopedia, l'urologia, l'otorinolaringoiatria, la chirurgia maxillo facciale e la ginecologia: «Nelle donne si usa per trattamenti sia estetici dei genitali, sia funzionali per patologie vulvari e vaginali».

Sottolinea il presidente di Aicpe: «È scientificamente dimostrato, in particolar modo negli studi per l'aumento estetico del seno, che ormai effettuo da 10 anni, che mediamente il 50% del volume del tessuto adiposo trasferito si conserva».

La novità più sostanziale riguarda la conoscenza e l'uso delle cellule staminali: il tessuto adiposo ha il vantaggio di averne in quantità decisamente più alta rispetto ad altri tessuti utilizzati per la loro selezione, come il midollo osseo.

«Gli studi hanno dimostrato che le cellule staminali hanno un'enorme capacità di rigenerazione dei tessuti, da quelli cicatriziali a quelli invecchiati, che hanno in alcuni ambiti capacità o potere terapeutico - prosegue -. Sembra ormai certo che, nell'ambito della chirurgia plastica, il volume di grasso che "attecchisce" è superiore se il numero di staminali presenti nel tessuto trasferito è più alto.

Da qui nascono gli studi attuali, che mirano ad arricchire i prelievi di grasso di cellule staminali. E qui entrano in gioco le banche delle staminali del grasso, che stanno nascendo per conservare il materiale non utilizzato».

Quali gli utilizzi del trapianto di grasso? Non c'è zona del corpo in cui non si possa trapiantare il grasso. Queste sono comunque le più gettonate:
-          Viso. Con il grasso si pone rimedio alla perdita di volume del volto, palpebra e sopracciglia incluse
-          Cute. Il trapianto di grasso contribuisce, grazie alle cellule staminali, a un miglioramento complessivo della qualità della pelle
-          Corpo. È un'alternativa alle protesi di silicone per seno e glutei
-          Rimodellamento corporeo. Trasferire grasso significa prelevare prima con la liposcultura. Non bisogna dimenticare infatti che il trapianto di grasso prevede sempre la riduzione di adipe nelle zone dove è più in eccesso, di solito fianchi e addome
-          Cicatrici. Il trapianto di grasso serve per riempirle e diminuirne la visibilità

AICPE. L'Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), l'unica in Italia dedicata esclusivamente alla chirurgia estetica, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza.
Ad AICPE hanno aderito oltre 270 chirurghi in tutta Italia: oggi è una delle tre società di chirurgia plastica estetica più grandi d'Europa ed è gemellata con l'American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS), la più importante società di chirurgia estetica al mondo.
Membri Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, accomunati da un codice etico comportamentale che li distingue dentro e fuori la sala operatoria. L'associazione ha elaborato e pubblicato le prime Linee Guida del settore, consultabili sul sito internet, che stabiliscono i fondamentali parametri operativi dei principali interventi.
Scopo di AICPE è tutelare pazienti e chirurghi plastici: disciplinando l'attività professionale con riferimento sia all'attività sanitaria, sia alle norme etiche; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica.





--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI