Cerca in Tutto Donna

giovedì 2 giugno 2016

Matrimonio e tradimenti: si rimane col partner per motivi economici



 
  • L'82% delle persone teme i problemi economici derivanti dal divorzio

  • 4 infedeli su 10 sono terrorizzati all'idea di poter rimanere da soli

  • Il 60% delle persone non lascia il partner perché in fondo c'è un legame di amicizia

 

2 giugno 2016

 

La formula del "...E vissero felici e contenti" spesso non vale nella vita reale, ma a salvare un matrimonio, almeno sulla carta, è molto spesso la paura di restare da soli, di dover affrontare problemi economici e di perdere un buon amico.

 

A svelarlo è il nuovo sondaggio condotto da VictoriaMilan, un sito di incontri per persone sposate ed impegnate in una relazione in cerca di scappatelle, che ha coinvolto 4.517 utenti di entrambi i sessi per scoprire il motivo principale per cui gli infedeli decidono di non separarsi dal partner.

 

Quello principale è certamente la paura della solitudine, con 4 utenti su 10 che temono fortemente una vita da single. Al secondo posto troviamo l'amore per i figli e il desiderio di non voler rovinare l'unità familiare.

 

Il divorzio porta con sé molte difficoltà economiche: ben l'82% degli infedeli preferisce un matrimonio senza sentimenti piuttosto che affrontare l'orrore finanziario derivante dal divorzio. Gli alimenti e l'affitto sono solo un esempio delle pressioni economiche a cui bisogna sottostare una volta avviata la procedura di separazione.

 

Nonostante ciò, ci sono delle eccezioni o dei motivi per cui un divorzio non sarebbe più evitabile. Tra questi vi è l'abuso sia psicologico che fisico (85%), il quale porterebbe chiunque a chiedere il divorzio immediatamente. Il 70% dice che non potrebbe vivere con una persona violenta al proprio fianco e sarebbe disposto a tutto pur di scappare.

 

L'amministratore e fondare di Victoria Milan,  Sigurd Vedal, commenta dicendo che se è pur vero che il divorzio sembra una sciocchezza al giorno d'oggi, le dinamiche che ne derivano possono essere devastanti. Accettare un matrimonio infelice potrebbe essere, in determinati casi, più semplice.

 

La libertà ha il suo prezzo e se ci sono dei bambini di mezzo - così come degli investimenti fatti in comune, molti preferiscono ingoiare il rospo e dimenticare la separazione.  I soldi e la solitudine sono le ragioni principali per cui si decide di ovviare al divorzio, ma 6 utenti su 10 rimangono col partner perché si sentono legati al marito o alla moglie da una forte amicizia.

 

- ENDS - 
Per maggiori informazioni si prega di contattare  press@victoriamilan.com Victoria Milan è uno dei maggiori social network al mondo dedicati a uomini e donne in cerca di un'avventura. Il servizio è stato lanciato nel 2010 da Sigurd Vedal, media executive felicemente sposato, ed è ormai diventato uno dei più frequentati e discreti siti di incontri extraconiugali al mondo. Victoria Milan ha superato i 6 milioni di utenti in più di 33 Paesi.


DATI DEL SONDAGGIO

Sondaggio condotto su 4.517 utenti di entrambi i sessi iscritti a Victoria Milan

 

Qual è il motivo principale per cui non chiedi il divorzio?

Temo la solitudine - 42%

I miei figli - 23%

Ho paura di quello che penseranno i miei familiari e amici - 18%

Problemi economici - 17%

 

Quali altri motivi contribuiscono alla tua decisione di non voler lasciare il partner? (risposta multipla)

Tra noi esiste un legame d'amicizia - 60%

Grazie ai miei tradimenti ho una valvola di sfogo - 55%

La paura di rimanere solo - 40%

Ho paura di non trovare un'altra persona - 38%

L'incertezza del futuro - 25%

 

L'aspetto economico ha influenzato la tua scelta?

Sì - 82%

No - 18%

 

Cosa invece ti porterebbe a divorziare subito ? (risposta multipla)

Abuso psicologico o fisico - 85%

Un nuovo amore - 65%

Una convivenza insopportabile - 70%

Un tradimento da parte del partner - 55%





--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI