Cerca in Tutto Donna

giovedì 23 aprile 2015

I dolci siciliani sono al primo posto in Italia


Nel seguente articolo parleremo dei dolci siciliani, tanto saporiti, quanto amati. Da una recente indagine di TripAdvisor (autorevole portale di viaggi) è emerso che la cucina dell'isola (dolci siciliani compresi) è al primo posto in Italia. Il sondaggio è stato condotto su oltre 1300 viaggiatori italiani, al fine di mettere in luce le preferenze gastronomiche degli abitanti dello stivale. Risultato? Le migliori prelibatezze si possono gustare in Sicilia, Emilia Romagna e Toscana.

Gastronomia e dolci siciliani: i nuovi protagonisti dei viaggi
Continuando a muoverci all'interno dell'indagine di TripAdvisor, leggiamo inoltre:
“Considerando che per più di un italiano su due (53%) la cucina locale è importante, o estremamente importante, nella scelta di una destinazione, è interessante notare quanto la gastronomia sia sempre più protagonista dei viaggi.”
E tra primi, street food e dolci siciliani è proprio la Perla del Mediterraneo a conquistare il primato. Un italiano su 5 (il 20%) ritiene che la migliore offerta culinaria a livello nazionale è quella proposta dall'isola, seguita dall'Emilia Romagna, dalla Toscana, dalla Campania e dalla Puglia.

La cucina siciliana
I primi, i secondi, gli antipasti sfiziosi e i dolci siciliani sono spesso espressione di un'arte culinaria sviluppata sull'isola fin dai tempi più antichi ed è strettametne legata alle sue vicende storiche, culturali e religiose. Più precisamente, parliamo di una cultura gastronomica regionale che mostra tracce e contributi di tutte le popolazioni che si sono stablite sul territorio siciliano negli ultimi due millenni, tramandate di generazione in generazione. La cucina siciliana non è al primo posto in Italia esclusivamente in termini di prelibatezze; essa è infatti considerata anche la più ricca di specialità, nonché la più scenografica. Alcuni dei suoi dolci siciliani più noti, come la cassata e il cannolo, si sono diffusi non solo a livello regionale, ma addirittura mondiale.

I dolci siciliani: motivo di orgoglio e d'attrazione turistica
street food, primi, secondi e dolci siciliani, la cucina isolana sia diventata motivo di riconoscimento e identità comune per gli abitanti del luogo, nonché motivo di attrazione turistica. La cucina siciliana è quindi conosciuta ed ammirata da tutirsti di tutto il mondo. Tra i dolci siciliani più rinomati, ricordiamo: cassata siciliana, cannoli sicilani, granita (da non confondere con il sorbetto), Pasta di mandorle, Frutta Martorana, Cuccìa, salame turco, Cassatedde, tartufo, torrone, Cuddureddi, Buccellato, Biancomangiare, cassatella di Sant'Agata, torta Fedora, latte di mandorla, Muccunetti e tanti altri ancora.

Dolci siciliani: la tradizionale cassata siciliana
Vogliamo concludere il pezzo sui dolci siciliani, dedicando quest'ultimo paragrafo ad una specialità tradizionale dell'isola: la cassata siciliana. Trattasi di una torta tradizionale, a base di ricotta zuccherata (rigorosamente di pecora), pan di Spagna, pasta reale e frutta candita. È stata inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T.) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf), su proposta della Regione Siciliana. Abbiamo scelto questo dolce siciliano per le sue antiche origini. Le sue radici risalgono infatti alla dominazione araba sull'isola (IX-XI secolo); proprio gli arabi avevano introdotto a Palermo la canna da zucchero, il limone, il cedro, l'arancia amara, il mandarino e la mandorla (la produzione della ricotta era già iniziata in tempi preistorici)... In altre parole, tutti gli ingredienti base necessari per la preparazione della cassata, la quale inizialmente altro non era che un involucro di pasta frolla, farcito di ricotta zuccherata e poi infornato; un “involucro” destinato a diventare uno dei dolci siciliani più caratteristici e apprezzati in Italia (e non solo).

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI