CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




L'informazione al Femminile

Cerca nel blog

giovedì 9 gennaio 2014

Capelli Eco Bio: Più naturalezza nel rispetto dell’ambiente

Passare ad una cura dei capelli a base di prodotti eco-bio significa prediligere prodotti certificati, sicuri ed ecocompatibili. Abbandonare gli shampoo tradizionali, a base di siliconi e derivati petrolchimici dalle proprietà districanti non è tuttavia un passaggio facile, ma alla lunga paga. Rendendo la chioma più sana e naturalmente splendente.
Il mercato dei cosmetici naturali cresce ogni anno: secondo gli ultimi dati dell’UNIPRO, l’associazione italiana delle aziende cosmetiche, dal 2005 al 2012 si è registrato un aumento esponenziale dei consumi di prodotti naturali, con un incremento, tra il 2011 e il 2012 in particolare, di oltre il 5%. In un settore che, come tutti, sta risentendo della crisi, si ha dunque una fetta di mercato in crescita. Ciò è dato da una maggiore attenzione alla qualità da parte dei consumatori e dunque dall’esigenza di acquistare prodotti di origine naturale ed ecosostenibili. Il consumatore consapevole chiede, in sostanza, sicurezza sulla pelle e rispetto per l’ambiente. Da questa nuova e doverosa coscienza di consumo emerge dunque la necessità di una nuova e doverosa coscienza di produzione.
Rispetto ad un prodotto cosmetico classico, un cosmetico erboristico naturale si differenzia per la presenza prevalente di ingredienti di origine naturale e biologica, per l’utilizzo di emulsionanti e umettanti di origine naturale e/o a basso impatto ambientale. Nell’universo della cosmesi naturale, poi, un ulteriore passo verso la naturalezza è dato dai prodotti eco-bio, definiti tali in base a certificazioni ufficiali che ne sanciscono la naturalezza, la sicurezza e l’ecocompatibilità.
Un prodotto di cosmesi eco-bio si differenzia perciò per alcune caratteristiche peculiari: utilizzo di materia prime da agricoltura biologica o da raccolta spontanea, assenza sia nei prodotti che nell’imballaggio di materiali discutibili dal punto di vista ecologico, assenza di materie prime non vegetali considerate “a rischio” (allergizzanti, irritanti o generalmente dannosi come i Solfati, i Parabeni, i Siliconi, i Glicoli, gli ingredienti petrolchimici ed i petrolati), utilizzo di imballaggi riciclabili e riduzione del superfluo. Si tratta, in sintesi, di prodotti con scarsissima tossicità ed assenza di effetti indesiderati, dermocompatibili e a basso impatto ambientale.
Alle certificazioni aziendali, che però non sono sufficienti a definire un prodotto come eco-bio, si aggiungono perciò diverse certificazioni ufficiali. Attualmente la certificazione di prodotto biologico viene rilasciata da organismi di controllo (riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole), tra questi il più noto è l’ICEA-Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale.
ICEA, in collaborazione con un gruppo di produttori, a cui si sono uniti autorevoli esponenti del mondo accademico e scientifico, ha avviato un percorso di regolamentazione conclusosi con l’approvazione del Disciplinare per la Eco Bio Cosmesi. Il Cosmetico Bio Ecologico certificato da ICEA è quindi un prodotto ottenuto rispettando una lista di sostanze vietate, senza l’ impiego di OGM, senza l’uso di radiazioni ionizzanti, impiegando prodotti agricoli e zootecnici primari da agricoltura biologica certificati in tutti i casi in cui sono disponibili.
Omia_480jpg
Ed è proprio alla certificazione ICEA che Omia Laboratoires ha affidato la qualità della propria linea per capelli, par la quale recentemente è stato acquisito il “Certificato di Conformità del disciplinare ECO BIO COSMESI” rilasciato da ICEA – Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale nell’ ambito dello schema accreditato EN 45011 (ISO 65) da IOAS. I prodotti eco-bio Omia per la cura dei capelli sono 0% SLES e LES ovvero non contengono Sodium Laureth Solfato e Sodium Lauryl Solfato, non contengono PEG, non contengono detergenti chimici a basso costo; oli minerali e siliconi, glicole propilenico coloranti sintetici, sono prodotti testati al nichel e al cobalto cioè il contenuto di Ni, Cr, Co è inferiore a 1ppm ovvero 0,00001% che è una quantità assolutamente non allergizzante. La linea per capelli di Omia Laboratoires, ora Eco Bio, coniuga dunque la varietà di trattamenti su misura per ogni tipologia di capello con la naturalezza e la sicurezza dei propri ingredienti. La certificazione eco bio della linea per capelli è soltanto dell’inizio di un percorso propedeutico al lancio di numerosi prodotti certificati. Lo scopo della continua ricerca dei laboratori Omia è infatti proprio quello di realizzare prodotti con elevata performance di gradimento utilizzando il maggior numero possibile di ingredienti naturale, mantenendo i costi dei prodotti accessibili, nella logica della migliore qualità ad un costo equo.
A beneficiare del passaggio all’eco bio, non sono soltanto salute e ambiente, ma la stessa percezione del consumatore. Si tratta di un passaggio, però, che richiede costanza e pazienza. I siliconi, i cristalli liquidi e i derivati petrolchimici contenuti generalmente negli shampoo tradizionali, danno un aspetto lucido e sano ai capelli, aiutandoli a districarsi e rivestendoli di una guaina scintillante, anche se sotto questa operazione di maquillage il capello può rimanere crespo e sfibrato. D’altra parte la scelta eco-bio non paga immediatamente: priva del sostegno della chimica la nostra capigliatura risulta tendenzialmente stopposa, meno soffice e brillante.
Ma coniugare salute e splendore dei capelli, si può: occorre, con pazienza, trovare lo shampoo adatto e lasciare che il capello ritrovi la sua naturale morbidezza, coccolato da buoni ingredienti. Per aiutare i capelli ad essere lucenti in modo naturale durante il passaggio all’eco-bio, esistono ottimi balsami e maschere eco-bio in grado di nutrire e districare i capelli alla perfezione. Si possono inoltre ottenere ottimi risultati utilizzando impacchi d’olio prima dello shampoo: sono molto indicati l’olio ai semi di lino, l’olio di Argan e l’olio di macadamia. Infine, come raccomandavano ai tempi delle nonne, in cui non esistevano gli shampoo a base di prodotti chimici, un risciacquo finale con acqua e una piccola parte limone o aceto aiuta a rendere i capelli più lucidi e brillanti.
Sarina Sailor, sul forum “alfemminile.com” dice: “Io sono passata all'ecobio un anno fa e sto benissimo, capelli e pelle rinati! Ho sempre avuto bei capelli ma da quando ho eliminato siliconi &co. sono ancora piu sani e splendenti”.
Anche sul blog “La tribù delle lunatiche” si parla di passaggio all’eco-bio: “Oggi vi parlo della mia esperienza nel passaggio da prodotti siliconici a prodotti con inci verde (o giù di lì) per capelli […] La prima cosa che ho fatto è stata quella di finire tutti i prodotti per capelli che avevo a casa, così da eliminarli e non farne più uso. Il passaggio da siliconi a eco-bio deve essere graduale per non avere brutte sorprese che fanno subito perdere le speranza e pentire di aver fatto questo passo, infatti il capello che prima era ricoperto di petrolati e siliconi e quindi appariva lucido e forte, si ritrova tutto ad un tratto privo di queste sostanze e quindi viene fuori il capello per quello che è: arido e sfibrato a causa del soffocamento delle sostanza sopra citate che non curano e non lasciano respirare il capello. Per questo è meglio procedere per gradi in modo che il capello si riprenda e si rinforzi per poi essere bello e forte”.
La fatica iniziale, però, è presto premiata. Così come per Marya2429 che, sul suo blog, racconta la sua scelta, fatta anche e soprattutto per motivi di salute: “Perchè mi sono avvicinata ai prodotti naturali per la cura dei capelli? La mia non è stata una scelta ideologica, bensì la necessità di trovare un rimedio alla fastidiosa dermatite che mi affliggeva da tempo”. E così Marya ha cambiato shampoo: “Gli shampoo naturali sono diversi da quelli tradizionali. In primo luogo contengono tensioattivi delicati di origine vegetale , al posto degli aggressivi SLS e SLES. La nostra cute, abituata ai tensioattivi aggressivi, potrebbe produrre sebo in eccesso per compensare e potremmo avere la sensazione di capelli poco puliti. C'è bisogno quindi di un po’ di tempo per trovare un equilibrio. Inoltre gli shampoo naturali, non avendo all'interno artifici chimici come i siliconi ( che formano un film sui capelli dando una fittizia sensazione di capello morbido , bello e lucente) , non fanno miracoli sui capelli ma portano alla luce i vostri capelli naturali. Se avete quindi i capelli secchi, dovrete nutrirli prima o dopo lo shampoo, perché questo di per sé li lascerà secchi come sono di natura.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.