Cerca in Tutto Donna

giovedì 17 settembre 2015

Esce "Ai ferri corti", la nuova edizione aggiornata del miglior libro per imparare a lavorare a maglia



Altreconomia edizioni presenta
"Ai ferri corti"


Siamo di nuovo "ai ferri corti". Esce la nuova edizione aggiornata del miglior libro per imparare a lavorare a maglia, in modo libero, responsabile e "sociale".

Un manuale rinnovato, semplice, chiaro e adatto a tutti, neofiti compresi:
con tutte le tecniche, i punti base e sei modelli, dalla sciarpa al maglione.




Puoi scaricare qui il "press kit":
• La copertina
L'immagine di una lavorazione (Nadia Gozzini)
L'indice
L'introduzione
Un modello con spiegazione


Per interviste con gli autori e recensioni: ufficiostampa@altreconomia.it,
02-89.91.98.90 (Luca Martinelli)


Milano, 17 settembre 2015 - Torna "Ai ferri corti", il manuale di maglia per tutti, adatto anche a chi prende in mano i ferri per la prima volta e che permette di realizzare, a partire da zero, qualsiasi capo a maglia, dalla sciarpa al maglione.
La guida pratica esce nella collana "Io lo so fare" di Altreconomia edizioni in un'edizione ampliata e largamente rinnovata, che non si limita a spiegare tutti i punti e le tecniche di lavorazione essenziali, ma introduce anche gli interventi più "avanzati" e -soprattutto- propone sei modelli per mettere subito in pratica quanto imparato, senza perdere il "filo del discorso".

Nei lavori sarete infatti guidati dalla mano sicura dall'autrice, Alice Twain -co-fondatrice tra l'altro di Stitch and Bitch Milano- e da spiegazioni semplici e chiare, a prova di principiante, corredate dai grafici e dalle belle illustrazioni opera di Nadia Gozzini. Per poi passare al livello successivo, quello per "iniziati". E se fate un errore? Niente paura, il manuale rivela tutti i trucchi per rimediare. L'obiettivo? Lo dichiara l'autrice stessa: "Grazie alla capacità di creare in modo autonomo i nostri capi possiamo renderci finalmente indipendenti dalla moda, scegliendo e forgiando per noi stesse uno stile personale".  E risparmiando.

È tempo di iniziare. L'avvio, il diritto, rovescio, l'intreccio per cominciare, con la giusta postura, s'intende. La maglia legaccio e la maglia rasata, le coste e la grana di riso. Le indicazioni per sagomare e i punti "avanzati" per le lavorazioni più eleganti. I modelli sono grandi classici della maglia, da fare per sé o da regalare: i guantini senza dita, una sciarpa originale, un caldissimo collo, un cappello lavorato "in tondo", uno scialle e, grande novità, il "capo definitivo" -un maglione completo unisex-, da realizzare con la tecnica top down.

Se poi avete un'anima ambientalista troverete tutte le indicazioni per scegliere gli strumenti più adatti, i ferri ma soprattutto i filati e le fibre naturali ed ecologiche. Scoprirete infine il mondo della "maglia sociale" -knit café e stitch and bitch-, dove si impara insieme e si conoscono persone nuove. Scrive l'autrice: "La maglia riscoperta negli ultimi anni non è più un'esigenza di cura e di sopravvivenza, oggi si lavora a maglia per piacere; , noi "giochiamo a maglia". Lavoriamo a maglia perché è un'attività profondamente rilassante (i benefici apportati in termini di rilassamento sono riconosciuti da medici e psicologi), perché è un'attività creativa e perché è un'attività sociale".




Il libro
"Ai ferri corti. Imparare a lavorare a maglia in modo libero e responsabile. Tecniche e punti con illustrazioni", di Alice Twain - 128 pagine, 7,50 euro- Altreconomia edizioni

L'autore
Alice Twain lavora a maglia, disegna modelli ed è docente per il corso di Alta Formazione del PoliDesign in Design della Maglieria a Milano.
È redattrice e cofondatrice del sito Maglia-Uncinetto.it e dello Stitch and Bitch Milano. Il suo blog è http://ferricorti.com

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI