Cerca in Tutto Donna

venerdì 25 settembre 2015

Sustainable Development Goals, giustizia climatica e donne: nasce la nuova sezione “Donne, Diritti e Clima”


 
Sustainable Development Goals, giustizia climatica e donne: nasce la nuova sezione "Donne, Diritti e Clima"

In occasione dei nuovi Sustainable Development Goals e in vista della COP21 di Parigi, la nuova sezione dell'Italian Climate Network approfondirà vulnerabilità e ruolo delle donne rispetto ai cambiamenti climatici 

 
Roma, 25 settembre 2015 – Oggi i leader mondiali, riuniti all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, sottoscriveranno i Sustainable Development Goals, i 17 nuovi impegni da conseguire entro il 2030. Tra gli scopi, eliminare l'estrema povertà, combattere i cambiamenti climatici e eliminare le disuguaglianze di genere. Infatti, il 70% delle persone povere che vivono con meno di 1 dollaro al giorno sono donne: la povertà è uno dei fattori a causa dei quali l'impatto dei cambiamenti climatici sulle donne è considerevolmente maggiore rispetto agli uomini. Un dato che si ripercuote anche sulle migrazioni indotte dai cambiamenti climatici: tra il 75 e l'80% dei 27 milioni di profughi al mondo sono donne e bambini. 

E' proprio per approfondire cause e conseguenze della maggior vulnerabilità del genere femminile rispetto ai cambiamenti climatici che l'Italian Climate Network lancia la nuova sezione "Donne, Diritti e Clima".

Mentre i cambiamenti climatici amplificheranno le disparità se le politiche in materia non terranno in conto fin dall'inizio la discriminazione di genere; inoltre, il ruolo della donna è anche fondamentale per la formazione ambientale.

La nuova sezione sarà un'importante opportunità di ampliamento delle aree d'azione dell'Italian Climate Network, anche in vista della prossima Conferenza delle Parti sui Cambiamenti Climatici (COP21) di Parigi del prossimo dicembre, che dovrà consegnare al mondo un accordo giusto, ambizioso e vincolante al fine di raggiungere gli obiettivi posti dalla scienza per limitare gli effetti dei cambiamenti climatici.
"Nei paesi in via di sviluppo le donne sono particolarmente vulnerabili alle crisi climatiche, ma sono allo stesso tempo si sono dimostrate forti agenti di stabilità sociale, crescita economica e risposta alle problematiche ambientali" afferma Chiara Soletti, responsabile della sezione Donne, Diritti e Clima, aggiungendo che "l'empowerment delle donne non è solo un dovere morale ma anche un passo irrinunciabile verso una giustizia sociale e una sostenibilità ambientale sempre maggiori. Cercare soluzioni efficaci al cambiamento climatico senza tenere in considerazione le problematiche di genere sarebbe quindi superficiale".
Per assicurare che il principio dell'equità di genere venga integrato negli accordi sul clima, la United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) nel 2009 ha creato la Women and Gender Constituency, formata da 15 organizzazioni e network che si occupano di donne e cambiamento climatico, con oltre 100 attivisti e esperti di genere attivi.
A partire da oggi, e soprattutto durante la COP21 di Parigi, Italian Climate Network, seguirà il lavoro della Women and Gender Constituency della UNFCCC sulle 5 tematiche, – finanza, tecnologia trasferibile e sviluppo, capacity building,mitigazione, adattamento e danni di perdita, – che sono di primo riferimento nella sua azione e di centrale importanza nel grande mosaico non solo della questione climatica ma anche degli obiettivi di lungo periodo fissati dalle Nazioni Uniti come mostrato dall'obiettivo 5 degli SDGs, focalizzato proprio sull'uguaglianza tra uomini e donne.
Nel percorso verso Parigi, Italian Climate Network coinvolgerà dunque i propri associati e l'opinione pubblica, tramite articoli dedicati su questione femminile e cambiamenti climatici: un aspetto della questione climatica di non immediata percezione, ma di sostanziale rilevanza. Una tessera indispensabile nel grande mosaico della questione climatica.

"Siamo orgogliosi di questa nuova iniziativa, resa possibile grazie alla proposta di Chiara, che porterà avanti le attività della sezione. – ha dichiarato Veronica Caciagli, presidente dell'Italian Climate Network. - Le donne, per il loro ruolo sociale, svolgono spesso compiti direttamente connessi alla gestione dell'ecosistema e all'alimentazione. Perciò l'adattamento sostenibile ai cambiamenti climatici non può prescindere dalla questione di genere se vuole avere successo. Inoltre, l'accesso alle risorse e ai processi decisionali è gravemente pregiudicato dalla discriminazione verso le donne in termini di reddito, potere politico e istituzionale, istruzione e responsabilità familiare. Non è possibile realizzare un'effettiva giustizia climatica senza tenere in considerazione le politiche per la parità di genere".






Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI