Cerca in Tutto Donna

sabato 17 gennaio 2015

Indossare i tacchi prematuramente invecchia le ginocchia


Uno studio della Stanford University ha scoperto che le donne che indossano tacchi a spillo alti almeno 3,5 pollici (circa 9 centimetri) hanno anche un rischio elevato di sviluppare l'osteoartrosi (OA).

E' una tendenza che fa male come ai talloni: le scarpe altissime sono note perchè causano dolori, ma la nuova ricerca ha scoperto che possono invecchiare anche le articolazioni delle donne.

I ricercatori della Stanford University hanno esaminato che cosa è accaduto a 14 donne quando indossavano scarpe basse e tacchi alti da 1,5 pollici (meno di 4 centimetri) e 3,5 pollici. Hanno verificato anche quando stavano con e senza un giubbotto pesante che aumentava il loro peso corporeo del 20%.

Gli scienziati hanno scoperto che più alto è il tacco e più probabile che il ginocchio era piegato quando il piede batteva il suolo. Questo mette molta tensione sulle articolazioni del ginocchio, soprattutto nelle donne che sono in sovrappeso.

"Molti dei cambiamenti osservati con l'aumento di altezza del tacco e peso erano simili a quelli osservati con l'invecchiamento e la progressione di OA, "hanno detto i ricercatori. "Questo suggerisce che l'uso del tacco alto, specialmente in combinazione con pesi addosso, possa contribuire ad aumentato il rischio di OA nelle donne.

"Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Orthopaedic Research.

I tacchi alti, ricorda Giovanni D'Agata, fondatore dello "Sportello dei Diritti", da tempo sono conosciuti come causa di dolori e altre conseguenze non piacevoli, tra cui problemi al fondoschiena e spasmi muscolari,secondo l'Associazione Americana di Osteopatia.I medici britannici che hanno commentato la notizia in Gran Bretagna hanno detto che le madri in attesa dovrebbero andarci piano con i tacchi a spillo perché possono causare fratture e danni ai legamenti.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI