Cerca in Tutto Donna

lunedì 19 novembre 2012

Il Cashmere raccontato da Stefanel.


La collezione di cashmere che produciamo, racconta la nostra esperienza e la nostra storia, che si sono evolute nel tempo grazie al costante aggiornamento tecnico e all’abilità di tecnici e artigiani che hanno trasmesso la loro competenza.
Se tutte le donne apprezzano la qualità del cashmere dei capi Stefanel, non molte conoscono come si produce questo tessuto eccezionale: Il cashmere si ricava dal vello di una speciale capra chiamata Hircus che vive sulle cime più alte del Ladakh, del Tibet e della Mongolia dove il freddo arriva anche a -40°.
La raccolta del pelo, da cui si ricava il cashmere grezzo, viene effettuata fra aprile e giugno, con speciali strumenti in legno molto simili a pettini. La finezza e la morbidezza del cashmere dipendono in larga misura dalle condizioni ambientali in cui la capra pascola e vive.
A seconda della provenienza, la qualità del filo si differenzia per qualità e morbidezza e ancora oggi tutti i processi di lavorazione sono molto artigianali: il vello viene lavato con acqua di fonte e lasciato asciugare all’aria; gli strumenti usati per la filatura sono in legno in modo tale da non rovinare con mezzi meccanici la fibra, che è comunque viva.
E’ pensiero comune, ma errato, che una maglia di cashmere pesante sia di qualità superiore rispetto ad una più leggera; il filato leggero ed impalpabile con cui vengono prodotti capi in cashmere sottilissimi, è molto più pregiato e richiede macchine ed accorgimenti particolari per essere tessuto. Ecco perché, spesso, i capi leggeri in cashmere sono più costosi dei capi pesanti. Stefanel sviluppa maglie e abiti in cashmere preziosissimi in “finezza 16”, capi leggeri, impalpabili e incredibilmente morbidi e, altrettanto curata, sia qualitativamente che stilisticamente, è la collezione nella più classica “finezza 12” e le lavorazioni a più fili che partono da questa base.
Al contrario di quello che comunemente si pensa, il cashmere non è un filo particolarmente delicato e non necessita di una specifica manutenzione. Può essere lavato in acqua, sempre a rovescio, meglio se fredda o al massimo a 30° con un detersivo specifico. E’ bene che l’asciugatura non avvenga mai alla luce diretta del sole e sempre lontano da fonti di calore, va asciugato in piano e non appeso, in questo modo non sarà necessario stirare, nel caso, dare solo un leggero colpo di vapore o passare il ferro da stiro al rovescio con un panno umido. Uno dei maggiori inconvenienti è dato dal peeling: quei fastidiosi pallini che si formano portando il capo.
Va subito detto che non sono assolutamente da considerare un segno di cattiva qualità. Il cashmere, come tutta la lana, è una fibra “viva” e reagisce alla differente natura di chi la indossa.
Va fatta una distinzione sul peeling “buono” che si forma sulle zone di maggior sfregamento e che ha il caratteristico aspetto a pallini che dopo due o tre lavaggi si ridurrà fino a scomparire. Il peeling “cattivo” è l’effetto “barba”, cioè una peluria diffusa su tutto il capo, problema sicuramente meno gestibile e si può servire dell’apposita spazzolina per affrontare il problema.
Sappiamo quanto le donne amino il cashmere e Stefanel ha a cuore le loro esigenze. Lo stile ci guida nell’evoluzione delle nostre collezioni che parlano ad una donna che sa cosa vuole: chic di qualità, capi classici destinati a durare, design senza tempo, massimo comfort, lusso quotidiano al giusto prezzo per un look sempre attuale.
Stile, qualità, amore per la moda e rispetto per il consumatore: questo è quello che ci guida nello sviluppo delle nostre collezioni. Stefanel, da oltre 50 anni, trasforma il filo in moda e una maglia in una sensazione mai provata.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI