Cerca in Tutto Donna

venerdì 29 marzo 2013

Omia Laboratoires EcoBio: Una chioma splendente e naturale dicendo addio a siliconi


Abbandonare gli shampoo tradizionali, a base di siliconi e derivati petrolchimici dalle proprietà districanti, per passare a prodotti per la pulizia dei capelli a base di olii vegetali, non è un passaggio facile, ma alla lunga paga. Rendendo la chioma più sana e naturalmente splendente.
OMIA ECOBIOLOGICA CAPELLI PRIMA PAGINA DEPLIANT
Non basta che l'acqua sia “con le bolle” come spiegava, a proposito dello shampoo, Massimo Troisi a Stefania Sandrelli nel film “Non ci resta che piangere”. E' importante che il principale prodotto che utilizziamo per detergere e curare i nostri capelli li nutra e rafforzi in profondità, oltre a renderli alla vista morbidi e lucenti. E tuttavia, per trovare un prodotto che soddisfi entrambe queste esigenze, occorre attenzione e un po' di studio.
I siliconi, i cristalli liquidi e i derivati petrolchimici contenuti generalmente negli shampoo tradizionali, danno un aspetto lucido e sano ai capelli, aiutandoli a districarsi e rivestendoli di una guaina scintillante, anche se sotto questa operazione di maquillage il capello può rimanere crespo e sfibrato. D'altra parte la scelta eco-bio non paga immediatamente: priva del sostegno della chimica la nostra capigliatura risulta tendenzialmente stopposa, meno soffice e brillante.
Per questo, in genere lo shampoo è l'ultimo dei cosmetici tradizionali a essere abbandonato da chi abbraccia la scelta eco-bio. Ma coniugare salute e splendore dei capelli, si può: occorre, con pazienza, trovare lo shampoo adatto e lasciare che il capello ritrovi la sua naturale morbidezza, coccolato da buoni ingredienti.
Per fare questo passaggio è innanzitutto necessario comprendere che gli shampoo tradizionali, con i loro siliconi e altri ingredienti di origine petrolchimica, rivestono, applicazione dopo applicazione il capello, rendendolo dapprima più lucente e bello, ma poi via via sempre più arido e debole: in questo modo contribuiscono all'insorgenza di doppie punte e fanno apparire il capello sporco e appesantito dopo pochissimi giorni. Negli shampoo eco-bio gli ingredienti chimici non ci sono, e lo shampoo, lavaggio dopo lavaggio ne libera il capello. Poiché si tratta di sostanze tenaci, a seguito dei primi lavaggi il risultato potrebbe essere, però, quello di avere i capelli poco luminosi perché un po' ancora rivestiti di silicone e un po' no! Solo la perseveranza darà i suoi risultati!
Bisogna sapere che gli shampoo eco-bio vengono formulati con un'accurata scelta di tensioattivi e fito-estratti specifici per un tipo di capelli e sono efficaci proprio e solo per quel tipo di capelli. Inoltre, gli shampoo eco-bio ben formulati contengono ottimi mix di tensioattivi delicati di origine vegetale, mentre gli shampoo tradizionali raramente si allontanano dagli aggressivi SLS (Sodium Lauryl Sulfate) e SLES (Sodium Laureth Sulfate) e sostanze simili. Il cuoi capelluto, abituato a questi tensioattivi aggressivi, potrebbe produrre sebo in eccesso per compensare, e avere quindi bisogno di un po di tempo per riequilibrarsi lasciando i primi tempi i capelli non perfettamente puliti.
Per aiutare i capelli ad essere lucenti in modo naturale durante il passaggio all’eco-bio, esistono ottimi balsami e maschere eco-bio in grado di nutrire e districare i capelli alla perfezione. Si possono inoltre ottenere ottimi risultati utilizzando impacchi d'olio prima dello shampoo: sono molto indicati l'olio ai semi di lino, l'olio di Argan e l'olio di jojoba. Infine, come raccomandavano ai tempi delle nonne, in cui non esistevano gli shampoo a base di prodotti chimici, un risciacquo finale con acqua e una piccola parte limone o aceto aiuta a rendere i capelli più lucidi e brillanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI