Cerca in Tutto Donna

mercoledì 25 dicembre 2013

Chirurgia estetica: dopo il divorzio il 10 % delle operazioni

Il 10 % delle operazioni di chirurgia estetica sono fatte dopo il divorzio. Secondo gli esperti, è un nuovo fenomeno in aumento nel tentativo di riconquistare la fiducia perduta

 

Circa il 10% delle persone che passano per il chirurgo plastico lo fa per "superare" una causa di divorzio, nel tentativo di riconquistare la fiducia persa e darsi un'altra possibilità. Va bene dal psicologo, ma è meglio anche bello!

Secondo il chirurgo spagnolo Javier de Benito, direttore medico della IDB, è un nuovo fenomeno che non si era visto prima ma che ora sta prendendo piede in maniera crescente,

Il medico opera nell'Istituto all'interno dell'ospedale universitario Chiron Dexeus di Barcellona e annualmente tratta più di 1.000 pazienti, ed è stato riconosciuto dall'editore Taschen, nel suo libro di chirurgia estetica, tra i dieci migliori chirurghi plastici nel mondo.

Secondo il chirurgo si assiste fino al 9% degli uomini e l'11% delle donne che vengono a praticare qualsiasi tipo di trattamento chirurgia o estetica con l'obiettivo quasi ossessivo di cambiarsi quando normalmente hanno sopportato per anni.

Essi ritengono che tale rinnovamento possa dare loro 'fiducia' nel tempo specie se hanno deciso di darsi una chance con un nuovo partner, nonché per stare meglio con il loro ambiente e, soprattutto, "aumentare un'autostima che chiaramente è stata aggredita da processi quasi sempre traumatici, dove uno dei due lascia l'altro".

Il dottore dice che capita spesso che i pazienti che chiedono "un cambiamento totale, quando nella maggioranza dei casi non è necessario".

Non si tratta, di una semplice curiosità, ma tale statistica, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", dimostra come sta cambiando la società.

 


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI