Cerca in Tutto Donna

martedì 12 luglio 2016

Bellezza, l'Italia (ri)scopre il botulino: il ricorso alla tossina botulinica cresce a una velocità maggiore rispetto agli altri Paesi europei

«Gli elevati livelli di sicurezza e l'efficacia dei trattamenti stanno superando l'ingiustificata diffidenza. Chi si avvicina al botulino tendenzialmente ritorna», spiega AITEB, Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino

L'Italia riscopre il botulino. A 12 anni dalla sua prima approvazione per fini estetici, il ricorso a trattamenti estetici che fanno uso della tossina botulinica è in crescita nel nostro Paese.

Nel solo 2015 la richiesta ha registrato un incremento a doppia cifra rispetto all'anno precedente; un +12,5% che ha permesso all'Italia di essere il Paese in Europa dove i trattamenti estetici con botulino sono aumentati maggiormente. 

«I tassi di incremento sono superiori del 50% rispetto alle altre principali nazioni europee», osserva Massimo Signorini presidente di AITEB, Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino.

«Questa tendenza al rialzo deriva da almeno tre motivi. Innanzitutto è stato recepito quanto gli studi internazionali e le continue ricerche affermano ormai da tempo: il botulino ha un profilo di elevata sicurezza, eventuali effetti collaterali non sono permanenti e tendono ad autorisolversi. In secondo luogo: l'efficacia del trattamento, con conseguente soddisfazione del paziente, è assodata. Un dato confermato da una ricerca che AITEB ha condotto tra i propri iscritti: più dell'80% dei pazienti che si sottopongono a un trattamento estetico con la tossina tendono a ripeterlo. Terzo, per la maggior parte delle proprie indicazioni, il botulino ha un'azione specifica e unica».

Primo trattamento assoluto di bellezza negli Stati Uniti da oltre 10 anni, primo trattamento anche in Germania e Regno Unito, il botulino in Italia ha però sempre risentito di una patina di diffidenza rispetto ai filler.

«Quando si parla di medicina estetica, in Italia la preferenza è nettamente in favore dei filler. Ma acido ialuronico e tossina botulinica sono due trattamenti estetici profondamente differenti che si basano su sostanze che agiscono in modo differente», sottolinea Giuseppe Sito, vicepresidente AITEB.

«Sono entrambi iniettabili, ma,  mentre i filler hanno un'azione riempitiva per restituire volume, la tossina botulinica è un farmaco - sottoposto quindi a controlli e autorizzazioni specifici - che agisce sui muscoli, rilassandoli e distendendoli. Il primo trattamento può essere ben implementato dal secondo e viceversa: è infatti dimostrato che un'azione congiunta di tossina e filler dà risultati più duraturi con un effetto clinico migliore».

Il botulino per fini estetici è approvato in Italia dal 2004. Due anni dopo il via libera della FDA (Food and Drugs Administration) negli Stati Uniti, l'Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) ha approvato l'utilizzo del botulino per la glabella.

Più recente l'approvazione per la zona perioculare: dall'inizio del 2014 l'autorizzazione da parte dell'Aifa all'estensione delle indicazioni terapeutiche per il temporaneo miglioramento delle cosiddette zampe di gallina, ossia le rughe che si trovano ai lati degli occhi (cantali o laterali) da moderate a gravi.

Conclude il presidente di AITEB: «La tossina botulinica è un trattamento sicuro per il ringiovanimento del volto: rilassa i muscoli distendendo le rughe e non gonfia. Si tratta però sempre di un farmaco e, come tale, sottoposto al rigido controllo del Ministero della Salute tramite l'Agenzia per il Farmaco: deve essere trattato da medici esperti».


AITEB (www.aiteb.it). L'Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino è il primo sodalizio di medici chirurghi nato con lo specifico obiettivo di sviluppare le conoscenze in merito all'uso della tossina botulinica in medicina estetica.

Scopo di Aiteb è coinvolgere tutti i medici italiani interessati allo sviluppo delle metodiche riguardanti la tossina botulinica in estetica e di diventare un punto di riferimento imprescindibile per i pazienti, la stampa e le autorità sanitarie interessate a questi temi.

Aiteb vuole favorire la divulgazione delle conoscenze sulla tossina botulinica per uso estetico; sostenere e incrementare il livello qualitativo nell'impiego della tossina, a beneficio ultimo dei pazienti e dei medici stessi; contribuire alla ricerca e allo sviluppo tecnico e scientifico dell'uso e della terapia con la tossina botulinica; promuovere attività formative sull'utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico, a favore degli operatori del settore; informare su rischi e benefici della terapia con tossina botulinica; promuovere gruppi di studio e di ricerca sull'utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI