Cerca in Tutto Donna

giovedì 4 agosto 2016

Ricerca su donne e lavoro: meno tempo a carriera (e famiglia) per pensare di più a sé stesse

Una ricerca condotta tra le partecipanti alla Global WINConference che torna a Roma: un migliaio di donne da oltre 90 Paesi del mondo per fare networking, acquisire nuove competenze per diventare leader e capire come conciliare lavoro e vita famigliare.

Losanna (Svizzera), 04 agosto 2016Nella ricerca di un difficile equilibrio tra lavoro e vita privata, cambiano le priorità delle donne manager: pur rimanendo fortemente concentrate sullo sviluppo delle proprie competenze professionali, aumenta sensibilmente il numero di donne in carriera che vorrebbero diminuire l'impatto del lavoro nella vita per ritagliarsi più tempo per se stesse.
È una delle evidenze che emergono da una ricerca[1] condotta da WIN (Women's International Networking), l'organizzazione internazionale di leadership femminile rivolta alle donne di tutto il mondo, tra le partecipanti alla Global WINConference che quest'anno torna a Roma (Ergife Palace Hotel, dal 28 al 30 settembre).
La ricerca WIN: desiderano poter dedicare meno tempo al lavoro, sono sempre più valorizzate ma mancano le opportunità di crescita professionale
La maggior parte delle donne-manager oggi dedica il 60% della propria giornata alla professione, ma il 91% di loro sogna un bilancio diverso tra lavoro, famiglia e tempo per sé.
Sempre più donne manager, infatti, ritengono che solo il 50% della propria giornata dovrebbe essere riservata al lavoro, mentre la restante metà di tempo dovrebbe essere dedicata alla 'casa' (20%) ma soprattutto dovrebbe essere riservato a 'se stesse' (30%) anche per migliorare le proprie competenze e skills da utilizzare poi sul posto di lavoro.
A puntare a questo equilibrio (50% lavoro; 30% se stesse; 20% famiglia) è stato il 31% delle donne manager intervistate, in netto aumento rispetto al 2009 quando a pensarla così era solo il 17%.
Ciononostante si tratta ancora soltanto di un desiderio, considerando che, nella realtà quotidiana, la maggioranza delle donne in carriera dedica il 60% del proprio tempo al lavoro e divide equamente il restante 40% tra famiglia e 'tempo per sé'.
Segnali positivi provengono dal riconoscimento della professionalità delle donne: rispetto a 5 anni fa, infatti, il 70% delle manager ritiene di essere adeguatamente valorizzato nella propria azienda mentre nel 2009 era solo il 54% (+16%).
Resta tuttavia diffusa la convinzione che l'introduzione delle "quote rosa" sia ancora la soluzione per una adeguata valorizzazione della rappresentanza del genere femminile sul lavoro: il 66% delle intervistate lo ritiene particolarmente vero per quanto riguarda la scelta delle figure apicali in azienda, ma quasi altrettante (63%) ritengono che le "quote rosa" siano uno strumento da applicare anche nella fase iniziale della carriera e per introdursi nel mondo del lavoro.
Purtroppo, le donne manager denunciano che la mancanza di opportunità (61%) e il poco tempo a disposizione (19%) sono ancora i principali ostacoli allo sviluppo della propria carriera.
Per quanto riguarda l'attività sui social-media, solo il 51% delle donne-manager fa parte di community online, ma chi fa networking attraverso i social partecipa ad almeno 1-3 community (77%) e in alcuni casi anche fino a 7 (17%).

La Global WINConference: Roma, 28-30 settembre 2016
Win, Women's International Networking, torna a Roma per la sua conferenza globale annuale, la 19esima.
È considerata la conferenza dedicata alla leadership e al networking femminile più grande d'Europa.
Per la quinta volta, l'evento tornerà in Italia (Roma, Ergife Palace Hotel, dal 28 al 30 settembre) dopo Ginevra, Parigi, Praga, Barcellona, Oslo, Milano e Berlino.
Circa 900 tra manager, consulenti, professionisti, amministratori delegati, politici – per la gran parte donne ma anche qualche uomo – si ritroveranno a Roma da tutto il Mondo per fare networking e rafforzare le proprie doti di leader, acquisire nuove competenze, capire come conciliare lavoro e vita famigliare, trovare nuovi stimoli e un 'mentor'.
Il titolo scelto per la conferenza quest'anno è: 'Leading the way, with beauty, connection and confidence'. 
Si parlerà di quali sono i trend internazionali, di come cambia la cultura aziendale, di come conciliare carriera e vita privata. Ma ci sarà anche spazio per workshops motivazionali, danze, spettacolo e performance artistiche.

Kristin Engvig (fondatrice WIN): "Non bisogna cambiare le donne ma creare il giusto ambiente di lavoro"
"Non bisogna cambiare le donne ma creare il giusto ambiente di lavoro in cui possano esprimere il proprio potenziale" afferma Kristin Engvig, imprenditrice, fondatrice e amministratore delegato di WIN. "Se accogliamo la diversità di genere e le diversità più in generale, nuove idee e creatività arriveranno di conseguenza. Promuovo la diversità perché penso che possa portare prospettive più interessanti nella vita e nel lavoro. La diversità comunque è già una realtà".

Cos'è WIN
WIN è un'organizzazione internazionale nata nel 1997 con sede a Losanna (Svizzera). La prima conferenza è stata organizzata a Milano nel 1998 e si svolge da allora tutti gli anni. È considerato uno dei forum più importanti per promuovere la leadership e l'empowerment femminile. Più di 13 mila persone vi hanno preso parte. Oltre alla conferenza europea – global conference – WIN organizza ogni anno una conferenza in Giappone e in India. Organizza poi corporate networking meeting, programmi specifici più brevi e workshop. Per farne parte è necessario registrarsi sul sito www.winconference.net

Ergife Palace Hotel, Rome, 28.29.30 Sept – (1) Oct 2016
#WINConference
***
SPONSOR - Global Conference Roma 2016
Alcune delle personalità intervenute come speaker negli ultimi anni:
On. Laura Boldrini, Presidente della Camera dei deputati
Cherie Blair QC, Avvocato e attivista per i diritti umani
Senator the Honourable Marlene Malahoo Forte, Ministra degli Esteri, Jamaica
Seiko Noda, Membro della Camera bassa del parlamento giapponese
Irene Dorner, Presidente & AD di HSBC Bank USA
Umran Beba, Vice Presidente senior e AD HR Officer, PepsiCo
Masako Mori, Ministro per il declino delle nascite e 'Consumer Affairs', Giappone
Paul Polman, CEO di Unilever
Emma Bonino, Vicepresidente del Senato della Repubblica, Italia
Syeda Hameed, Membro della 'Planning commission', Governo indiano
Mohau Pheko, Ambasciatrice straordinaria e plenipotenziaria del Sud Africa in Giappone
Ing Marie Bilkova, Direttore generale, viceministro, Repubblica Ceca
George Kohlrieser, Docente di leadership e organizational behaviour, IMD, Svizzera
Eliska Haskova Coolidge, Special assistant di cinque presidenti degli Stati Uniti
Gertrude Mongella, Presidente del parlamento panafricano e attivista per le donne in Africa
Mikael Ohlsson, Presidente & AD di IKEA Group
Sung Joo Kim, Presidente & AD di Sungjoo Inc./Sugjoo International Ltd
Jesper Koll, Head of Japan Equity Research and Chief Japan Strategist, JP Morgan Securities, Giappone
Official hashtag: #WINConference
 

[1] La ricerca ha coinvolto un migliaio tra le circa 4.500 partecipanti dal 2009 al 2015 alla Global WINConference, il forum internazionale annuale dove donne provenienti da tutto il mondo che si confrontano sui temi della leadership femminile.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI