Cerca in Tutto Donna

giovedì 31 luglio 2014

Non hai più fame? Te lo dice l’istamina

la somministrazione di Oea attiva cellule dell'ossitocina nel cervello
Individuato meccanismo con cui il cervello percepisce la sazietà. Pubblicata su Pnas ricerca svolta da Università di Firenze e Cnr in collaborazione con La Sapienza

Individuato il meccanismo chiave attraverso cui il cervello traduce alcuni segnali periferici di sazietà. È il risultato di una ricerca svolta da Università di Firenze e Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibcn-Cnr) di Roma, in collaborazione con il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia della Sapienza Università di Roma. Il titolo del lavoro, pubblicato su Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences), è "Satiety factor oleoylethanolamide recruits the brain histaminergic system to inhibit food intake".

"Abbiamo scoperto", spiega Maria Beatrice Passani, ricercatrice del Dipartimento di Neuroscienze, Area del Farmaco e Salute del Bambino (Neurofarba) dell'Ateneo fiorentino, "che il segnale di sazietà prodotto dall'intestino durante il consumo di un pasto da parte di un lipide, l'oleoiletanolamide (Oea), attiva aree specifiche del cervello che usano l'istamina come neurotrasmettitore, favorendo così la cessazione dell'attività alimentare".

"Le prove sperimentali raccolte in questo studio", prosegue Roberto Coccurello dell'Ibcn-Cnr, al cui fianco hanno lavorato per lo stesso istituto Giacomo Giacovazzo e Anna Moles, "dimostrano per la prima volta che l'effetto anoressizzante di Oea viene drasticamente attenuato sia in animali privi della possibilità di sintetizzare istamina, sia in animali le cui riserve neuronali di istamina sono state temporaneamente inattivate attraverso la somministrazione diretta nel cervello di un agente inibitore. Grazie alla nostra ricerca siamo riusciti a individuare la natura dei neurotrasmettitori implicati e a comprendere i meccanismi attraverso cui determinate popolazioni di cellule nervose (neuroni) presenti nel cervello a livello dell'ipotalamo traducono l'informazione mediata da Oea  sullo stato nutrizionale dell'organismo e sul corrispondente livello di sazietà. È stato identificato quindi nel sistema neurotrasmettitoriale dell'istamina una delle componenti fondamentali per veicolare il messaggio di sazietà generato da Oea a livello intestinale".

"La conoscenza di questi meccanismi neuronali, che assolvono un ruolo essenziale nel comportamento alimentare, in quanto contribuiscono alla riduzione dell'appetito, offre nuove prospettive per sviluppare farmaci più efficaci e sicuri per il trattamento dell'obesità, che mirino a incrementare il rilascio di istamina nel cervello", conclude Passani, al cui fianco hanno lavorato – nel team fiorentino - Gustavo Provensi, Hayato Umehara, Leonardo Munari, Nicoletta Galeotti e Patrizio Blandina.

Roma, 31 luglio 2014

mercoledì 30 luglio 2014

vente-privee.com: super saldi + consegna Express Box direttamente in villeggiatura




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Luxury wellness: il punto sul mercato di SPA e centri benessere


Prima dell'avvento della crisi economica, la cultura del benessere si era espansa notevolmente nel settore pubblico e privato pur avendo questi due ambiti esigenze e consumi differenti. 

Acquisita la consapevolezza dei benefici su corpo e mente che provengono dall'utilizzo di un'area benessere o di una SPA in casa, non è seguita un'adeguata cultura progettuale lasciando così emergere studi improvvisati che non mettono a disposizione del cliente un concept e una programmazione seria.

Wellconcept360, una realtà produttiva presente sul mercato da oltre ventiquattro anni, guidata da Maurizio Menescalchi, è passata attraverso le evoluzioni del settore selezionando di volta in volta i materiali e i progetti più d'avanguardia.


Il benessere verso quali nuove frontiere si sta dirigendo?

"Oggi si comincia a parlare di benessere salutistico su cui stanno investendo aziende specializzate, una piccola nicchia per il momento, che offrono approcci e configurazioni evolute sul mercato che è oggi è in prevalenza ludico. Per diventare professionisti in questo segmento è necessario disporre di un'esperienza decisamente superiore in termini concettuali, progettuali e di realizzazione per non parlare dell'aspetto della gestione".


L'Italia è culturalmente pronta per questa evoluzione?

"Il livello di cultura del benessere nel nostro paese è scarso, se inteso in termini di elemento esplorativo prima e creativo poi, di una qualsiasi opera. Molti SPA designer hanno avuto accesso al mercato con conoscenze approssimative, per non dire sbagliate, che vanno alla ricerca di clienti inconsapevoli.  Tutti dovrebbe sapere che la progettazione di un'area benessere ha invece aspetti tecnici che spesso non hanno nulla a che fare con la cultura progettuale civile o industriale. La stessa cultura termoidraulica o aeraulica, ad esempio, è pressoché sconosciuta e non è un caso se si vedono in giro impianti adatti a ristoranti e autosaloni, non certo ad aree benessere".


Come il cliente può riconoscere un progetto "fai da te"?

"Va detto che l'utenza oggi è più informata di qualche anno fa e sa discernere tra proposte di facciata e progetti di qualità.  In generale, bisogna guardare con accuratezza le ambientazioni, che spesso possono ingannare creando un'area benessere esteticamente affascinante all'impatto ma ben poco funzionale ed efficiente".


E' possibile pensare green anche nel benessere?

"Wellconcept360 investe nella ricerca di materiali e tecnologie che aumentano la funzionalità, le prestazioni, la durata e l'affidabilità del progetto nel lungo periodo. La sensibilità eco-friendly rientra nelle selezioni di tutto ciò che è riciclato o riciclabile, ad esempio optando per tecniche a recupero di calore quando ha un senso utilizzarle. Scelte che prevedono anche costi superiori e che non tutti i clienti vogliono affrontare in favore di progetti tradizionali".

Cesare Ragazzi Laboratories presenta in anteprima quattro prodotti per l'estate della nuova linea tricologica a marchio CRLab



 

30 luglio 2014

 

Vento, sole, cloro e salsedine mettono a dura prova i nostri capelli. Per l'estate 2014, Cesare Ragazzi Laboratories presenta, in anteprima assoluta, i quattro nuovi prodotti, dedicati al benessere e alla protezione dei capelli, della nuova linea tricologica a marchio CRLab che sarà lanciata a partire da settembre.

 

Frutto della collaborazione con medici, ricercatori e tecnici specializzati, i quattro prodotti della nuova linea CRLab rappresentano un ottimo alleato contro tutti gli agenti aggressivi esterni che possono minacciare la bellezza e il benessere della chioma:

 

Fluido ristrutturante (oilnonoil) - Fluido dalle grandi proprietà nutrienti e protettive contro il caldo, la disidratazione e il sole, è ideale per un capello non troppo lungo, ha anche capacità leggermente fissative, permettendo quindi di modellare meglio i capelli.

 

Siero Nutritivo – Siero anti doppie punte, per capelli lunghi, secchi e danneggiati, non unge ma lascia i capelli setosi, luminosi e pronti ad affrontare gli stress estivi.

 

Latte Spray Capelli - Spray dalle incredibili capacità protettive grazie all'estratto di Moringa e all'estratto di Argan: anti-disidratazione, dona spessore e sostegno al capello. Adatto a ogni tipo di capello, è rivitalizzante e fortemente protettivo contro piastre, sole, phon, colorazioni e permanenti.

 

Fluido bifasico – Fluido fortemente idratante e districante, è adatto a tutti i tipi di capelli ma particolarmente indicato per capelli tendenzialmente secchi e difficili da pettinare o danneggiati dalla salsedine.


Cura del verde sempre più "in rosa": sette attrezzi su dieci comprati da donne


Tagliasiepi e decespugliatori a batteria diventano elettrodomestici da giardino. «Leggeri, maneggevoli, silenziosi e di facile uso: pensare alla manutenzione di piante e siepi non è più esclusiva dell'uomo», l'esperienza di Neumann Italia

La manutenzione del giardino oggi è una cosa anche da donne. Sono sempre più le rappresentanti del gentil sesso che si occupano della gestione del verde casalingo. La loro maggiore attenzione all'ordine, anche quando si parla della parte esterna della casa, si coniuga con una crescente maneggevolezza degli attrezzi da giardino di ultima generazione. Tanto che c'è già chi parla di elettrodomestici da giardino davanti a tagliasiepi, decespugliatori e soffiatori elettrici. «L'introduzione della batteria nell'attrezzo da giardino, andando a sostituire il motore a scoppio o il filo elettrico, ha influito molto sulla maneggevolezza dell'attrezzo stesso», spiega Massimiliano Pez, general manager della filiale italiana di Neumann, azienda titolare del marchio Mission per attrezzi da giardino a batteria. «Le donne si interessano sempre più al giardino prendendosene cura:  secondo la nostra esperienza, nel 70% dei casi sono proprio loro ad occuparsi degli acquisti degli attrezzi da giardino».
Viene così ribaltato il tradizionale approccio che voleva sempre l'uomo dietro ad un tagliasiepi o ad un decespugliatore. «La vecchia concezione dell'attrezzo che deve fare rumore per essere potente, deve essere pesante per essere affidabile e deve essere dotato di motore a scoppio per durare nel tempo sta per venire meno. È un processo lento, sostenuto da una tecnologia capace di produrre attrezzi da giardino a batteria altamente performanti, potenti grazie ai motori da 40 volt e con un buona autonomia di utilizzo grazie alle batterie al litio». Non ci sono più cordini da tirare, miscela da mettere nel serbatoio o perdite di olio. Non ci sono nemmeno fili e prolunghe. «Si mette la batteria, si accende e si inizia a lavorare». Spiega Pez: «Gli attrezzi elettrici hanno il vantaggio di essere più leggeri di quelli a tradizionali a motore a scoppio - siamo nettamente al di sotto dei 4 kg, anche per una motosega con una barra di taglio da 30 cm -, pesano all'incirca il 35% in meno; hanno minori vibrazioni (circa il 50%) e sono più silenziosi, ovvero parliamo di 70 dB contro 105-110».  Non certo ultimo, «sono facili da usare: basta impugnarli correttamente e schiacciare un pulsante».
Esiste anche un altro fattore che potrebbe aver incentivato questo cambiamento. «La visione del giardino è sostanzialmente mutata. Anche chi ha un po' di prato, qualche pianta e qualche cespuglio considera  questo piccolo spazio verde come un'estensione stessa dell'abitazione: il soggiorno trova quasi un prolungamento naturale all'esterno. Quindi, se il soggiorno è in ordine, anche il verde dovrà essere in ordine». Ma chi se ne deve occupare? Trattandosi di giardino, per convenzione dovrebbe essere l'uomo. Conclude Pez: «Ma quando l'uomo è pigro - e chi non lo è mai stato - oppure non ha tempo, anche la donna può sistemare la siepe che è cresciuta un po' troppo o tagliare l'erba alta ai lati del vialetto. Ecco perché sette attrezzi su dieci vengono acquistati direttamente dalle donne».

Neumann Italia - Con oltre 50 anni di storia nell'automazione e robotica industriale, il gruppo tedesco Neumann arriva in Italia nel 2012 con il marchio Mission, una gamma di prodotti per la manutenzione del giardino che risponde a tre principi: miglioramento della qualità della vita, rispetto dell'ambiente e riduzione delle emissioni nocive. Dal 2005 infatti la tecnologia Neumann si è concentrata sullo sviluppo di soluzioni innovative dedicate all'outdoor puntando esclusivamente su applicazioni elettroniche e batterie al litio ad alta efficienza energetica. Fanno parte della gamma di Neumann Italia sistemi automatici per la manutenzione del manto erboso e prodotti per la cura di arbusti, alberi e fogliame. Neumann è l'unica multinazionale ad operare nel settore garden con una rete diretta di consulenti che vistano i clienti e li informano sulle migliori soluzioni per il loro giardino. www.neumannrobotics.it

martedì 29 luglio 2014

Bellezza, dati Isaps: nel mondo ogni 10 trattamenti estetici più di due sono di botulino


Bellezza, dati Isaps: nel mondo ogni dieci trattamenti estetici più di due sono di botulino 

Aiteb: «La tossina botulinica è l'intervento estetico più praticato in assoluto. L'Italia è al sesto posto»

 

Con oltre 5 milioni di trattamenti eseguiti in un anno, la tossina botulinica si conferma l'intervento estetico più praticato in assoluto al mondo. È il dato che emerge dal sondaggio condotto dall'Isaps (International  Society of Aesthetic Plastic Surgery), la principale associazione a livello internazionale con oltre 2.700 chirurghi specializzati in plastica estetica iscritti al relativo albo in 95 Paesi, che ha presentato i risultati della ricerca più completa a disposizione sul settore della chirurgia e medicina estetica. In totale, i trattamenti di medicina e chirurgia estetica eseguiti sono stati oltre 23 milioni. «Ogni dieci interventi estetici praticati nel mondo, più di due riguardano la tossina botulinica» afferma Giuseppe Sito, vice presidente dell'Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino (Aiteb).

Tra i Paesi considerati dal sondaggio Isaps, l'Italia è l'unico nel quale la tossina botulinica non è il primo intervento di medicina estetica: «Questo non significa che gli italiani non si ritoccano, ma semplicemente che per farlo preferiscono fillers e sostanze riassorbibili o che esiste ancora un'ingiustificato timore che riguarda la tossina botulinica» commenta Sito.
La nazione in cui si utilizza più botulino sono gli Stati Uniti (1.271.739 interventi, 24,7% del totale), seguita a distanza dal Brasile (308.185, 6%). L'Italia è sesta, con 76.472 trattamenti di botulino, pari all'1,5% del totale.

In Italia,  la tossina botulinica è guardata con una certa diffidenza che non trova conferma nella letteratura scientifica: «Spesso l'equazione che viene fatta è volti gonfi e artificiali uguale tossina botulinica, mentre in realtà molto spesso si tratta di un abuso di filler e sostanze iniettabili – aggiunge Sito -. Non bisogna infatti dimenticare che i volti trattati con tossina botulinica permettono di ottenere risultati naturali, modulabili e di ringiovanire lo sguardo».

 

AITEB (www.aiteb.it). L'Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino è il primo sodalizio di medici chirurghi nato con lo specifico obiettivo di sviluppare le conoscenze in merito all'uso della tossina botulinica in medicina estetica. Scopo di Aiteb è coinvolgere tutti i medici italiani interessati allo sviluppo delle metodiche riguardanti la tossina botulinica in estetica e di diventare un punto di riferimento imprescindibile per i pazienti, la stampa e le autorità sanitarie interessate a questi temi. Aiteb vuole favorire la divulgazione delle conoscenze sulla tossina botulinica per uso estetico; sostenere e incrementare il livello qualitativo nell'impiego della tossina, a beneficio ultimo dei pazienti e dei medici stessi; contribuire alla ricerca e allo sviluppo tecnico e scientifico dell'uso e della terapia con la tossina botulinica; promuovere attività formative sull'utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico, a favore degli operatori del settore; informare su rischi e benefici della terapia con tossina botulinica; promuovere gruppi di studio e di ricerca sull'utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico. 



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Estate 2014: teli mare e tendenze fashion per la spiaggia


Quest'estate ballerina e all'insegna del maltempo non fermerà il popolo dei vacanzieri soprattutto dei tanti che già da qualche mese si dedicano allo shopping online di accessori per l'estate 2014, come ad esempio sul portale di home fashion Casabiancheria che propone novità e nuove tendenze per il mare.

Tra gli acquisti più desiderati ed anche indispensabili c'è senza dubbio il telo da mare che è diventato negli ultimi anni sempre più un "capo" espressione della propria personalità, declinato in fantasie, forme e colori per qualsiasi gusto ed esigenza.
Quali sono i teli mare più fashion dell'estate 2014?

All'insegna dell'essenzialità o appariscente, in cotone leggero o di spugna, dietro un buon telo mare che si rispetti ci deve essere qualità, funzionalità e anche caratteristiche salvaspazio per portarlo sempre con sé anche dentro alle borse più piccole.

Chi ama i modelli più classici quest'anno avrà l'imbarazzo della scelta con una vasta gamma di teli mare monocromatici, con semplici bordature di colore o fantasie tono su tono. Vince l'eleganza e nei modelli dalle tonalità sabbia e panna si punta dritto a uno stile chic da spiaggia.

Anche i dettagli hanno la loro importanza con una serie di rifiniture come tasche portaoggetti e piccoli gancetti per appendere e portare con sé il proprio telo.

Assolutamente da evitare? I teli mare con il maxi logo o l'accoppiata di fantasia con il costume da bagno ormai (fortunatamente) superata da quando la moda dei due pezzi spaiati è padrona della spiaggia.
Il tocco di stile? Il telo da mare personalizzato con scritte, fantasie e disegni su richiesta. L'esclusività è garantita.

Chi ama il colore in ogni sua manifestazione potrà farsi trascinare dall'energia cromatica dei modelli proposti dal brand spagnolo Disegual che con le sue stampe vistose e i pattern originali accende la spiaggia senza mai essere pacchiano o ridondante. Fantasie tropicali, fiori e foglie per sentirsi su un'isola deserta anche a pochi chilometri da casa.

Per i bambini invece la novità lanciata sul mercato riguarda Peppa Pig, con il rosa colore predominante dei teli mare, mentre non tramontano mai dalle scene Winnie The Pooh, Topolino e le principesse Disney.

Violenza sulle donne: ogni giorno ne muoiono 12

Quasi una su due ha subito molestie sessuali nei 47 Paesi del Consiglio d'Europa. L'Italia ha bisogno della banca dati del DNA.

Ogni giorno 12 donne muoiono a causa di violenze domestiche nei 47 Paesi del Consiglio d'Europa e nei 28 dell'Ue e quasi una su due (il 45%) ha subito molestie sessuali, una su 5 violenza fisica e il 18% è stata vittima di stalking. Questi i dati resi noti dal Consiglio d'Europa che, secondo il commissario per i diritti umani Nils Muiznieks, "mostrano quanto sia urgente agire". Per combattere questo grave fenomeno il primo agosto entra in vigore la convenzione per la prevenzione e la lotta contro la violenza alle donne. I dati dimostrino quanto la situazione sia grave e che "la violenza contro le donne resta una delle violazioni dei diritti umani più diffuse, che si ripete ogni giorno in ogni luogo d'Europa". "La violenza subita da un partner è ancora una delle prime cause di morte non accidentale tra le donne" ha detto il commissario. Mentre il 18% degli uomini è assassinato dal partner o da un familiare, per le donne la media è del 55%. 

La Convenzione "può diventare un potente stimolo e se non offrirà protezione dall'oggi al domani, segna certamente un punto di svolta nella giusta direzione e dà a milioni di donne un messaggio forte sull'impegno" che gli Stati prendono nei loro confronti.Resta però molto da fare. Undici Paesi membri del Consiglio d'Europa non hanno neanche ancora firmato il testo e tra i 13 che l'hanno ratificato, tra cui l'Italia, alcuni, devono ancora attuarne diverse disposizioni. Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" ritiene opportuno di fronte all'aumento esponenziale su tutto il territorio nazionale di atti di violenza ed abusi sulle donne, rilanciare il progetto del Generale Luciano Garofano - il noto ex comandante del Ris dei Carabinieri di Parma – che da diverso tempo ha elaborato una proposta per arginare la criminalità per il tramite dell'istituzione di una Banca Dati del DNA.Esiste già in Parlamento un disegno di legge trasversale presentato nel corso della precedente legislatura che ha subito uno stop il suo iter legislativo per i problemi connessi alla tutela della privacy e della libertà che un archivio di dati personali potrebbe comportare. Infatti, dopo averne approvato la legge nel 2009, ad oggi, non ha ancora ricevuto il via libera per la sua applicazione con i decreti attuativi. 

Pertanto, mentre in Inghilterra e Usa la banca dati del DNA è un efficientissimo strumento contro il crimine, in Italia è tutto fermo. Ma in presenza di una spirale così odiosa di delinquenza nei confronti delle donne - che è divenuto un vero e proprio problema di ordine pubblico, in alcune città - occorrerebbe una poderosa accelerata all'iter legislativo per la creazione di quest' importante contenitore di informazioni genetiche che conservi l'impronta genetica quantomeno di tutti coloro che si sono resi colpevoli di reati gravi ed in particolare di "violenza sessuale" e che scoraggerebbe chiunque a mettere in atto forme di violenza di tale stregua, permettendo alla magistratura e alle forze dell'ordine di svolgere indagini più rapide, efficaci e meno dispendiose. Per non parlare dell'efficacia di una simile banca dati nelle indagini sui reati connessi al terrorismo, alle associazioni mafiose, agli omicidi, ed alla pedofilia.

Giovanni D'Agata, ritenendo che l'idea del generale Luciano Garofano possa contemperare l'esigenze di tutela della Privacy e della libertà, con quelle della pubblica sicurezza e della tutela della persona, in particolar modo delle donne e dei bambini, tutti diritti costituzionalmente garantiti, perorerà presso tutte le sedi competenti al fine di una rapido compimento dell'iter legislativo.

Lecce, 29 luglio 2014                                                 

lunedì 28 luglio 2014

MODA e GUSTO: otto segreti sul gelato svelati da Showroomprive.it


.

Gelati: gli 8 segreti meglio custoditi
del dessert estivo per eccellenza

 

E dall'1 al 17 agosto, su Showroomprive.it ci sono i "CRAZY DAYS. VESTITI AL PREZZO DI UN GELATO"  per regalarti gli indumenti più chic a prezzi irresistibili, come quelli dei gelati

Su iPRESSlive, NewsSocialPlatform per giornalisti, blogger e uffici stampa, a questo link sono disponibili ulteriori materiali relativi alla notizia (immagini, etc.)


Milano, 28 luglio 2014 -
Li gustiamo da quando siamo bambini, si rinnovano ogni anno e il primo che mangiamo segna simbolicamente l'inizio dell'estate. Sono i gelati, dai mille gusti, consistenze e ingredienti, diventati uno dei prodotti più innovativi della nostra "cucina dell'estate", con scommesse sempre più rischiose per gli artigiani e le grandi marche. 
Showroomprive.it, uno dei principali player nel settore delle vendite private online di moda, accessori e articoli per la casa di grandi marche con sconti fino al 70%, specializzato nel soddisfare le esigenze della "donna digitale", ti rivela alcune curiosità sul gelato in occasione del lancio dell'operazione "Crazy Days. Migliaia di articoli al prezzo di un gelato", durante la quale saranno messi in vendita abbigliamento e accessori a prezzi irresistibili, come quelli dei gelati. Solo dall'1 al 17 agosto.

 

  1. In Italia consumiamo circa 3,58 Kg di gelato all'anno pro capite (Fonte AIDEPI, Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane).I maggiori consumatori di gelati al mondo sono i Neozelandesi, che consumano circa 26.3 litri di gelato all'anno per persona, seguiti dagli Statunitensi, che addirittura celebrano la Giornata Nazionale del Gelato e gli Australiani. Il gelato più popolare al mondo è quello alla vaniglia.

  2. I coni vengono arrotolati rigorosamente a mano fino al 1912,  quando Frederick Bruckman, un inventore statunitense brevettò una macchina per arrotolare la sfoglia dei coni (mangiarebuono), gettando le basi per la produzione industriale. La data di nascita del gelato si attesta durante il Rinascimento in Italia, presso la corte dei Medici. Nel 1962 il toscano Francesco Procopio giunse in Francia dove mise a punto una macchina per il gelato e aprì la prima gelateria nella città in cui è nato anche Showroomprive.com, Parigi.

  3. L'origine del gelato nell'antichità si fa risalire ai cinesi, i quali già nel VIII secolo a.C. avevano scoperto come conservare il ghiaccio per poterlo poi utilizzare nei periodi estivi. Da lì il gelato è poi approdato in India, Iran, Grecia e a Roma. Tuttavia il gelato non divenne popolare in Europa finché Marco Polo non tornò da uno dei suoi primi viaggi in Oriente con diverse ricette di gelato che si diffusero nelle corti italiane (secolo XIII). Italia, Spagna e Francia sono i primi paesi in cui divenne popolare. In Italia, e in particolare in Sicilia si diffuse anche la cultura dei sorbetti, importata dagli arabi che già erano soliti miscelare alla neve gustosi sciroppi di frutta.  
       
  4. Sapori strani: peperoncino, formaggio e pere, pomodoro e basilico, whisky e cereali, salmone affumicato, tabasco ... sono alcuni dei gusti più stravaganti che si possono trovare nelle gelaterie europee. La base classica del gelato prevede latte, panna e zucchero.

  5. Il gelato più costoso del mondo è il "Frozen Haute Chocolate", che costa 18.500€. Tra i molti ingredienti, include 28 varietà di cacao e 5 grammi di oro 23 carati commestibile. Viene servito in una coppa bordata in oro anch'essa commestibile. Il cucchiaio che lo accompagna è in oro e diamanti bianchi.

  6. Mangiare gelato ci mette di buon umore (e a volte aiuta a dimenticare le pene di cuore) e inoltre fa bene dopo una operazione alle tonsille. Mito o verità? Verità! I gelati sono ricchi di triptofano, un aminoacido che stimola la produzione di serotonina (l'ormone del benessere), che ci aiuta a calmarci e a stare bene. Inoltre, il freddo allevia eventuali gonfiori e favorisce la cauterizzazione dei vasi sanguigni. Tutti vantaggi.  
     
  7. La tradizione del gelato artigianale è molto radicata nel nostro Paese e proprio gli italiani hanno contribuito in modo consistente a diffonderne la cultura in tutto il mondo. L'industria gelatiera italiana invece è nata a Milano agli albori degli anni Cinquanta e il suo sviluppo ha contribuito in modo determinante alla diffusione di questo gustoso alimento e ad incrementarne il consumo (che, nel giro di quaranta anni, è passato da 250 grammi a 4 chili pro capite) (Fonte AIDEPI). 
      
  8. Celebri fanatici del gelato: il re Carlo I (Regno Unito) pagò una pensione vitalizia al suo gelataio personale nel secolo XVII, a patto che non rivelasse a nessuno la ricetta dei suoi esclusivi, e reali, gelati. 

 

Poiché i gelati rallegrano la nostra giornata e sono legati a tante curiosità, Showroomprive.it ha preparato una speciale vendita: "CRAZY DAYS. VESTITI AL PREZZO DI UN GELATO!".
Dall'1 al 17 agosto, oltre a vestiti, saranno in vendita tantissimi articoli di moda, accessori e arredamento a prezzi irresistibili, come deliziosi coni gelato.

 

A proposito di Showroomprive  
    
Showroomprive distribuisce più di 1.500 marchi italiani e internazionali tra i suoi 16.2 milioni di soci registrati in Italia, Francia, Portogallo, Spagna, Regno Unito, Belgio, Paesi Bassi e Polonia. Showroomprive ha realizzato un fatturato di 350 milioni di euro nel 2013, di cui il 40% proviene da dispositivi mobile (smartphone e tablet). In Italia, attualmente vanta più di 2 milioni di membri, per un fatturato che nel 2013 ha raggiunto i 33 milioni di euro (+65% rispetto al 2012). Nel 2013 Showroomprive viene insignito del Primo Premio, categoria assoluta, al Netcomm eCommerce Award 2013, come miglior sito di e-commerce italiano. Nella stessa edizione si aggiudica anche il premio come miglior sito della categoria Abbigliamento e Accessori. Ha inoltre conseguito il Red Herring Europe Top 100 Winners 2013 e il premio "Best International Growth" ricevuto dall'organismo europeo EMOTA.

Showroomprive, che ha iniziato a operare nel settore delle vendite private nel 1993 in ambito offline e ha fatto il salto all'on-line nel 2006, conta una squadra in crescita di oltre 500 persone, con uffici a Barcellona, Madrid e Parigi e 5 centri operativi logistici per un totale di 70.000 m2. Showroomprive è inoltre l'unico club di vendite private in Europa che propone il servizio "Consegna Express in 72 ore" in tutti i paesi in cui opera (24h in Francia). Le vendite di Showroomprive vengono aggiornate ogni 4 o 5 giorni e offrono il meglio delle collezioni donna, uomo e bambino, accessori, arredi e prodotti per la casa, cosmetici e prodotti di bellezza, gastronomia, attrezzature sportive, materiale audiovisivo e  hi-tech. Showroomprive è membro dell'Asociación Española de la Economía Digital, sponsor della Cibeles Madrid Fashion Week e aderisce al marchio Confianza Online, il primo sistema di autoregolamentazione nel commercio elettronico riconosciuto dalle autorità spagnole.  In Spagna, Showroomprive ha siglato un accordo con l'ufficio commerciale di riferimento di Mediaset, media group di riferimento in Spagna, per lanciare congiuntamente Divinitycollection.es, il nuovo club di vendite private online associato a uno dei suoi canali, DIVINITY.




30/7 Salvamamme a Mondofitness presenta lo spot antiviolenza 'Provaci con me'



Mondofitness per la Valigia di Salvataggio di Salvamamme


Presentazione dello spot "Provaci con me", performance pugilistica e fashion show contro la violenza sulle donne


Trovare il coraggio di denunciare prima che sia troppo tardi: è questo il messaggio dello spot "Provaci con me!" che promuove il progetto la "Valigia di Salvataggio" dell'associazione Salvamamme. Iniziativa che registra inoltre il coinvolgimento dell'Ufficio di Comunicazione e Marketing FPI - Factorum Art - Aics e dell'Osservatorio nazionale bullismo e Doping a sostegno delle donne vittime di violenza.

A Mondofitness, mercoledì 30 luglio, dalle 18,30 in poi, in scena una performance pugilistica con eccezionali ospiti per la serata charity a sostegno dell'importante progetto di Salvamamme. In prima fila ci sarà Terry Gordini, vice campionessa mondiale e campionessa italiana in carica dei 51 kg, capitano della nazionale femminile di pugilato e protagonista dello spot di Salvamamme. Con lei il tecnico responsabile delle Nazionali Italiane Femminili di Pugilato, Emanuele Renzini. E tra gli altri
sportivi presenti il giovanissimo Dennis Foggia, che gareggia nella categoria PreMoto CIV 250 Under 15: l'esordio nella categoria gli ha subito regalato una grande soddisfazione, ovvero la vittoria di quest'anno al Mugello nella prima gara della stagione.

Fashion Show della stilista Laura Froio a seguire press le tre piscine del villaggio, a cura di Ma.Ma.Management con la collaborazione dell'hair-stylist internazionale Michele Spanò e il suo staff. Perché anche il mondo della moda, con il direttore generale di AltAroma Adriano Franchi, si mobilita contro la violenza sulle donne.

Quindi degustazioni di "Prodotti Tipici Eccellenti" e  un goloso apericena: il tutto con l'obiettivo di raccogliere fondi per soccorrere in tempo reale le donne vittime di violenza con consulenze psicologiche, legali e soprattutto un momentaneo luogo sicuro, un nuovo telefonino con sim, un trolley pieno di oggetti di prima necessità che evitino, a quante appena fuggite o uscite dall'ospedale dopo le prime cure, di tornare in una casa pericolosa dove spesso le loro cose sono state già devastate.

Un incentivo, questo, per non recedere dalla denuncia, non subire pressioni e rivolgersi ai centri antiviolenza.
"Salvamamme - spiega la presidente Grazia Passeri - che da quindici anni si occupa di violenza contro le donne, ringrazia Mondofitness che è sempre al suo fianco per i diritti inalienabili di ogni persona".


Spot sociale: Provaci con me! di Michela Pellegrini, Matteo Schiavone e Tommaso Gregorio Cavallaro (Ufficio Comunicazione e Marketing FPI) - direzione artistica e produzione esecutiva: factotum Art in collaborazione con AICS e Osservatorio nazionale Bullismo e Doping.





--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Nutrizione: yogurt e frutta re degli spuntini estivi

Il Centro Studi Sprim diffonde nuovi risultati del Barometro Nutrieconomico, che ha analizzato i 'summer food'


Milano, 28 luglio 2014 – Frutta (anche secca) e yogurt sul podio degli spuntini estivi. Il Barometro Nutrieconomico, software del Centro Studi Sprim in grado di identificare gli alimenti con il miglior rapporto qualità-prezzo, ha stabilito gli alimenti ideali da consumare come 'spuntino' durante l'estate, così da dire addio ai compromessi tra linea e portafoglio. 

SPUNTINO, UN ALLEATO CONTRO IL SOVRAPPESO - Un recentissimo studio scientifico (Wang JB1, Patterson RE, Ang A, Emond JA, Shetty N, Arab L., "Il  momento di assunzione delle calorie è associato al rischio di obesità negli adulti") svolto su un campione di 239 adulti, ha dimostrato che coloro che consumano la maggior parte delle calorie dopo le ore 17, arrivando affamati all'orario di cena, sono più a rischio di diventare sovrappeso. Ovvero, lo spuntino pomeridiano allontana i chili di troppo.

IL BAROMETRO DEGLI SPUNTINI ESTIVI – Il Centro Studi Sprim, attraverso il Barometro Nutrieconomico, ha analizzato una selezione di alimenti particolarmente apprezzati durante l'estate, identificando quelli ideali per valore nutrizionale e… convenienza economica. 

In cima troviamo lo yogurt, sia intero che magro: contiene proteine di elevata qualità, è fonte di vitamine del gruppo B (soprattutto B2, B6, biotina e B12) e di calcio. Tra la frutta sorprende invece il melone che apporta, in particolare, il 50%  della vitamina C raccomandata giornalmente e circa il 40% della vitamina A, e Sali minerali, tra cui zinco e potassio. La classica 'coppetta' di gelato, con una qualità nutrizionale simile ai frullati, pur restando uno degli spuntini più tradizionali, perde invece sul fronte del risparmio.

"Uno yogurt, magari arricchito da una manciata di mandorle, che contiene il 40% della quantità raccomandata di vitamina E, rappresenta uno spuntino salutare e nutriente: ideale dopo una bella nuotata. La frutta, poi, non deve mai mancare, anche in versione più golosa: il frullato alla banana, ad esempio, è un vero concentrato di vitamine per i più piccoli" Giovanna Caccavelli, dietista del Centro Studi Sprim.



SPRIM abbina una expertise unica a risorse altamente specializzate nell'ambito della Salute, del Benessere e dello Sviluppo Sostenibile, mettendo a disposizione competenze mirate di consulenza strategica, comunicazione e supporto nella ricerca medico scientifica. Opera valorizzando i Beni di Largo Consumo con profonda e comprovata esperienza, in particolare nei settori Alimentare-Nutrizionale, Consumer Health Care, Igiene e Cosmetica. SPRIM ha la capacità di gestire le tematiche sia a livello locale sia globale e seguire Istituzioni, Associazioni, Aziende pubbliche e private con uffici operativi in Europa, Nord America, Sud America, Asia e Australia.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


domenica 27 luglio 2014

Comic-Con International 2014 di San Diego, non solo per Uomini

Comic-Con International nasce nel 1970 dall'idea di tre ragazzi fan dei fumetti, film e fiction di fantascienza chiamandosi San Diego's Golden State Comic-Minicon. Da piccola e quasi sconosciuta manifestazione che cambia nome di nuovo nel 1972 in San Diego's West Coast Comic Convention si trasforma in Evento nazionale con l'attuale nome, richiamando l'attenzione e la partecipazione non solo di Fans ma di attori importanti. 
Il programma delle giornate si articola in giochi, anime, il Comic-Con Film Festival Internazionale Indipendente e l'Eisner Awards.
Nell'arco degli anni si sono presentati centinaia di ospiti famosi, autori di fumetti, produttori, direttori e autori di fiction, scrittori e fan da tutto il paese. 

















giovedì 24 luglio 2014

Meriam giunta a Roma: soddisfazione di Amnesty International


Amnesty International Italia ha espresso grande soddisfazione per l’arrivo a Roma, questa mattina, di Meriam Yehya Ibrahim, la donna sudanese di religione cristiana che il 15 maggio era stata condannata all’impiccagione per apostasia e a 100 frustate per adulterio.   

L’organizzazione per i diritti umani ha espresso apprezzamento per l’azione di tutte le parti, governative e non governative, che hanno reso possibile questo felice esito. 

Dopo la duplice condanna, Amnesty International aveva inviato alle autorita’ sudanesi oltre un milione di firme per chiedere il rilascio immediato e incondizionato di Meriam Yehya Ibrahim: 21.000 di queste erano state consegnate direttamente all’ambasciatrice del Sudan in Italia. 

Per evitare ulteriori casi come quello di Meriam, e’ necessario per Amnesty International che le autorita’ del Sudan aboliscano gli articoli 126 e 146 del codice penale del 1991, che prevedono e puniscono rispettivamente i “reati” di apostasia e adulterio. 

L’organizzazione per i diritti umani auspica inoltre che venga abolita la pena della fustigazione e che sia istituita una moratoria sulle esecuzioni, in vista dell’abolizione della pena di morte in Sudan. 

Centri antiviolenza in Italia.



Sono gratuiti, non vi chiederanno soldi ma vi offriranno tutta l'assistenza di cui avete bisogno compresa l'ospitalità per voi e i vostri figli. 


Uscite di casa e sottraetevi ai maltrattamenti e soprattutto.... denunciate la situazione.

I CENTRI ANTIVIOLENZA IN ITALIA (in ordine alfabetico per città)
ANCONA
  • ASSOCIAZIONE DONNE E GIUSTIZIA
Via Cialdini, 23 - 60122 ANCONA Tel. 071/205376. Il numero verde è 800032810
AOSTA
  • CENTRO DONNE CONTRO LA VIOLENZA
Federazione Casa delle Donne c/o Consulta Regionale Femminile della Valle d'Aosta
Viale dei Partigiani, 52 - 11100 AOSTA Tel. 0165/238750 - Fax 0165/42242
AREZZO
  • ASSOCIAZIONE CONTRO LA VIOLENZA E IL MALRATTAMENTO SULLE DONNE
Piazza Santa Maria in Gradi, 4 - 52100 AREZZO Tel. 0575/355053 - prontodonna@interfree.it
Sono gratuiti, non vi chiederanno soldi ma vi offriranno tutta l'assistenza di cui avete bisogno compresa l'ospitalità per voi e i vostri figli. Uscite di casa e sottraetevi ai maltrattamenti e soprattutto.... denunciate la situazione.
I CENTRI ANTIVIOLENZA IN ITALIA (in ordine alfabetico per città)
ANCONA
  • ASSOCIAZIONE DONNE E GIUSTIZIA
Via Cialdini, 23 - 60122 ANCONA Tel. 071/205376. Il numero verde è 800032810
AOSTA
  • CENTRO DONNE CONTRO LA VIOLENZA
Federazione Casa delle Donne c/o Consulta Regionale Femminile della Valle d'Aosta
Viale dei Partigiani, 52 - 11100 AOSTA Tel. 0165/238750 - Fax 0165/42242
AREZZO
  • ASSOCIAZIONE CONTRO LA VIOLENZA E IL MALRATTAMENTO SULLE DONNE
Piazza Santa Maria in Gradi, 4 - 52100 AREZZO Tel. 0575/355053 - prontodonna@interfree.it 
Sono gratuiti, non vi chiederanno soldi ma vi offriranno tutta l'assistenza di cui avete bisogno compresa l'ospitalità per voi e i vostri figli. Uscite di casa e sottraetevi ai maltrattamenti e soprattutto.... denunciate la situazione.
I CENTRI ANTIVIOLENZA IN ITALIA (in ordine alfabetico per città)
ANCONA
  • ASSOCIAZIONE DONNE E GIUSTIZIA
Via Cialdini, 23 - 60122 ANCONA Tel. 071/205376. Il numero verde è 800032810
AOSTA
  • CENTRO DONNE CONTRO LA VIOLENZA
Federazione Casa delle Donne c/o Consulta Regionale Femminile della Valle d'Aosta
Viale dei Partigiani, 52 - 11100 AOSTA Tel. 0165/238750 - Fax 0165/42242
AREZZO
  • ASSOCIAZIONE CONTRO LA VIOLENZA E IL MALRATTAMENTO SULLE DONNE
Piazza Santa Maria in Gradi, 4 - 52100 AREZZO Tel. 0575/355053 - prontodonna@interfree.it

BARI
  • CENTRO ANTI VIOLENZA
Associazione Aracne
Via Lombardi, 12 - 70100 BARI Tel. 080/5218389
  • CENTRO ANTIVIOLENZA "LA LUNA NEL POZZO"
Via San Francesco d'Assisi n. 75 - 70100 BARI
Numero Verde 800 20 23 30 - N. pubblica utilità 1522
BELLUNO
  • ASSOCIAZIONE BELLUNO DONNA
Tel. 0437/987577
BERGAMO
  • AED FEMMINISMO (associazione Educazione Demografia)
Passaggio Canonici Lateranensi, 22 - 24121 BERGAMO (Parcheggio: Via Camozzi, 95 - scala D)
Tel. 035/244337 - Fax 035/235660
  • COMITATO PROVINCIALE CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE
C/o Consultorio AIED (Ass. Italiana Educazione Demografica)
Via Angelo Mai, 18/c - 24100 BERGAMO Tel. 035/232600 - Fax 035/213230

BOLOGNA
  • CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA
Associazione gruppo di lavoro e di ricerca sulla violenza alle donne
Via dell'Oro, 3 - 40124 Bologna Tel. 051-333173Fax 051-3399498
  • GRUPPO GIUSTIZIA UDI
Via Castiglione, 26 - 40124 BOLOGNA Tel. 051/232313 - 236849
  • S.O.S. DONNA
Via XXI Aprile, 3 - 40134 BOLOGNA Tel. 051/43435
BOLZANO
  • CASA ALLOGGI PROTETTI/VEREIN HAUS
Geschutzen Wohnungen des Katholischen Familienerbandes Sudtirols
39100 BOLZANO - Casella Postale 103
  • ASSOCIAZIONE GEA
Centro d'Ascolto Antiviolenza
via del Ronco 17
39100 Bolzano - Tel. 0471/513399 Fax. 0471/513398
Linea d'emergenza attiva 24 ore su 24 Numero verde: 800 27 64 33
BRESCIA
  • ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE
Via S. Faustino 38 - 25122 BRESCIA Tel. 030/2400636

BRINDISI
  • IO DONNA
c/o Centro Documentazione Donna
Via Cappuccini, 8 - 72100 BRINDISI Tel. e Fax 0831/522034
CAGLIARI
  • ADVOCATE
c/o Arcidonna La Luna Nera
Via Barcellona, 80 - 09128 CAGLIARI Tel. 070/652675
CASERTA
  • TELEFONO ROSA
Associazione Spazio Donna c/o USL 15
Via Roma, 169 - 81100 CASERTA Tel. 0823/354126
CATANIA
  • CENTRO ANTIVIOLENZA THAMAIA
Via G. Macherione, 14 - 95125 CATANIA Tel. 095/7223990
CESENA
  • TELEFONO DONNA
c/o Centro donna
Piazza del Popolo, 9 - 47023 CESENA (FO) Tel. 0547/356462 - Fax 0547/356329

CHIETI
  • TELEFONO ROSA
Associazione Il filo di Arianna
Via Cesare De Lollis, 23 - 66100 CHIETI Tel. 0871/347999
COMO
  • TELEFONO DONNA
Via Zezio, 60 - 22100 COMO Tel. 031/304585 - Fax 031/09374
COSENZA
  • TELEFONO FOSA
Centro contro la violenza delle donne "Roberta Lanzino"
Via Caloprese, 56 - 87100 COSENZA Centro tel. 0984/3631 - Telefono Rosa 0984/36211
CREMA
  • COMITATO DONNE CONTRO LA VIOLENZA
C/o Camera del lavoro
Via Carlo Urbino, 9 - 26013 CREMA
CREMOMA
  • A.I.D.A. - Associazione Incontro Donne Antiviolenza Onlus
Via Beltrami 13 - 26100 Cremona - Tel 0372/30113 - Fax 0372/566288 - cell. 338/9604533
www.sitisolidali.it/siti/aida - aida.onlus@virgilio.it L'Associazione si occupa di donne che subiscono maltrattamenti, violenza fisica, psicologica, sessuale, in famiglia e in qualsiasi altro luogo.
Si offre: ascolto telefonico, consulenza legale e psicologica, informazioni ed indicazioni su servizi e strutture terriroriali.
Presidente dell'Associazione: Rossella Casarini
CUNEO
  • TELEFONO DONNA c/o ARCI
Via Carlo Emanuele, 34 - 12100 CUNEO Tel. 0171/631515
EMPOLI
  • CENTRO AIUTO DONNA - LILITH
c/o Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli
Via XX Settembre, 17 - 50053 - Empoli (Firenze) Tel. 0571/725156
FAENZA
  • SOS DONNA
c/o Centro tutela diritti
Via Bubani, 7 - 48018 FAENZA (RA Tel. 0546/664386 - Fax 0546/27182
FERRARA
  • CENTRO DONNA GIUSTIZIA
C/o UDI
Via Terranova, 12/B - 44100 FERRARA Tel. e Fax. 0532/247440
FIRENZE
  • CENTRO DONNE CONTRO LA VIOLENZA "KATIA FRANCI"
Associazione Artemisia
Via del Mezzetta, 1 - 50135 FIRENZE Tel. 055/602311 - (abuso minori) 055/603234

FORLI'
  • CENTRO DONNA
Via Tina Gori, 58 - 47100 FORLI' Tel. 0543/712660 - Fax. 0543/712670 - email:centrodonna@comune.forli.fo.it GENOVA CENTRO ACCOGLIENZA DONNE MALTRATTATE
C/o UDI
Via Cairoli, 14/7 - 16125 GENOVA Tel. 010/2461715 - Fax 010/2461716
GROSSETO
  • CENTRO PARI OPPORTUNITA' AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GROSSETO
Via Oberdan, 14 - 58100 GROSSETO Tel. 0564/20027 - Fax 0564/2118
LAMEZIA TERME
  • TERME CENTRO LILITH
Via Garibaldi, 83 - 88046 LAMEZIA TERME (CZ) Tel. 0968/201713
LATINA
  • TELEFONO DONNA
C/o Centro donna Lilith
Via D'Azeglio, 19 - 04100 LATINA Tel. 0773/664165 - Fax 0773/48035
LA SPEZIA
  • TELEFONO DONNA
Associazione Codice Donna c/o UDI
Via Corridoni, 5 - 19100 LA SPEZIA Tel. 0187/703338

L'AQUILA
  • CENTRO ANTIVIOLENZA L'AQUILA
Via Garibaldi, 45 - 67100 L'AQUILA Tel./fax 0862 65985 - centroantiviolenza.laquila@gmail.com
LECCO
  • TELEFONO DONNA c/o UDI
Via Parini, 6 - 20053 LECCO Tel. 0341/363484
LIVORNO
  • CENTRO DONNA
Servizio del Comune di Livorno
Via Largo Strozzi - 57100 LIVORNO Tel. 0586/890053
  • CENTRO TUTELA CARDIACA PER DONNE E MINORI
Via Pieroni, 27 - 57100 LIVORNO Tel. 0586/887009
MANTOVA
  • TELEFONO ROSA
Via Dario Tassoni, 14 - 46100 MANTOVA Tel. 0376/225656
MERANO
  • PER LE DONNE, CONTRO LA VIOLENZA FUR FRAUEN, GEGEN GEWALT
Corso Liberta', 184 - 39012 MERANO (BZ) Tel. 0473/222335 - Fax 0473/222140
MESSINA
  • CEDAV ONLUS - CENTRO DONNA ANTIVIOLENZA
Via Campo delle Vettovaglie, 98122 MESSINA
telefono : 09715426- 800225858 - Fax 090 670931

MILANO
  • CASA DI ACCOGLIENZA DELLA DONNE MALTRATTATE
Via Piacenza, 14 - 20135 MILANO Tel. 02/55015519 - Fax 02/55019609
MODENA
  • CENTRO CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE
C/o Casa delle donne
Via del Gambero, 77 - 41100 MODENA Tel. 059/361050 - Fax 059/361369
  • GRUPPO GIUSTIZIA
Via del Gambero, 77 - 41100 MODENA Tel. 059/366012 - Fax 059/374710
MONZA
  • CENTRO AIUTO ALLE DONNE MALTRATTATE - CADOM
Via Mentana, 43 - 20052 MONZA (MI) Tel. 039/2840006 - Fax 039/2844515

NAPOLI
  • SPORTELLO ROSA
Piazza Garibaldi 101 presso la sede Filcams - Cgil, Napoli Tel. 081/2449827
e-mail: filcams.campania@libero.it NAPOLI ONDA ROSA
  • Associazione di volontarie
Via Carducci, 29 - 80100 NAPOLI - Tel. 081/426368 - telefonorosadinapoli@gmail.com
  • Telefono Rosa di Napoli
Via Adriano n. 80, 80126 Napoli - Tel. 081 66 86 91
Lunedì, mercoledì e giovedì dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00
Il Telefono Rosa di Napoli nasce nell'aprile del 2010 come sede distaccata, sul territorio partenopeo, della storica Ass. Nazionale Telefono Rosa di Roma.
La nostra associazione ha l'obiettivo di contrastare la violenza di genere e in tal senso si orienta offrendo aiuto a tutte le donne che subiscono violenze fisiche, psicologiche, sessuali, economiche, di mobbing e di stalking. Il nostro lavoro di volontariato consiste in: prima accoglienza telefonica, consulenze gratuite psicologiche e legali (civili e penali; tutte le avvocatesse sono iscritte alle liste del gratuito patrocinio), percorsi psicologici individuali e gruppi di auto-aiuto.

PADOVA
  • CENTRO VENETO PROGETTO DONNA
Via Tripoli, 3 - 35100 PADOVA Tel. 049/8721277 - Sito: www.centrodonnapadova.it
PALERMO
  • CENTRO DI ACCOGLIENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA'
C/o UDI
Via XX Settembre, 57 - 90141 PALERMO Tel. 091/327973
PARMA
  • ASSOCIAZIONE CENTROANTIVIOLENZA
Via del Farnese, 23 - 43100 PARMA Tel. 0521/238885 - Fax 0521/23894
PAVIA
  • ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DONNE CONTRO LA VIOLENZA
Porta Pertusi, 6/A - 27100 PAVIA Tel. 0382/32136
PERUGIA
  • TELEFONO DONNA
Centro per le Pari Opportunità della Regione dell'Umbria
Palazzo Maltauro, Via Fontivegge 51, 06124 Perugia
Numero verde: 800861126

PESCARA
  • TELEFONO ROSA
Via Modesto della Porta, 24 - 65124 PESCARA Tel. 085/64535 - Fax 085/691345

PIACENZA
  • ASSOCIAZIONE "CITTA' DELLE DONNE" TELEFONO ROSA PIACENZA
Via G. Landi n. 8 - 29100 PiacenzaTel. 0523/334833 - mail: telefonorosapiacenza@libero.it
Attività: accoglienza telefonica, accoglienza personale, consulenza legale gratuita, consulenza psicologica, informazione servizi territoriali, informazione/prevezione nelle scuole, ricerca, formazine. Dal mese di Maggio 2008 sarà operativa la prima casa accoglienza ad indirizzo segreto per donne vittime di violenza

PISA
  • TELEFONO DONNA
Associazione Casa della donna
Via Galli Tassi, 8 - 56100 PISA Tel. e Fax 050/561628

POTENZA
  • TELEFONO DONNA
C/o AVIS Associazione telefono donna
Via dei Ligustri, 32 - 85100 POTENZA Tel. 0971/ 55551

RAVENNA
  • LINEA ROSA
Via Garatoni, 12 - 48100 RAVENNA Tel. e Fax 0544/216316
RIVA DEL GARDA
  • ASSOCIAZIONE CULTURALE TELEFONO DONNA
Viale 1° Maggio, 1 - 33066 RIVA DEL GARDA (TN) Tel.
ROMA
  • CENTRO DONNA L.I.S.A.
Via Rosina Anselmi 41/42 - Tel. 06/87141661 - 5811473 - Fax 06/87230457
  • CENTRO ANTIVIOLENZA
Associazione Differenza Donna
Viale di Villa Pamphili, 86/B - 00100 ROMA Centro: Tel. 06/5810926 - 5811473 - Fax 06/5811473
  • TELEFONO ROSA
Via Tor di Nona, 43 - 00100 ROMA Tel. 06/6832690 - 6832820
Viale Mazzini, 73 - 00195 ROMA Tel. 06/37518261 06/37518262 fax 06/37518289 e mailtelefonorosa@libero.it

SALERNO
  • LINEA ROSA
Associazione Spazio Donna
P.zza Veneto, 2 - 84100 SALERNO Tel. 089/254242
SAVONA
  • TELEFONO DONNA
(Consulta della Provincia)
Via Sormano, 12 - SAVONA Tel. 019/870065
SIRACUSA
  • ASSOCIAZIONE E CENTRO ANTIVIOLENZA "LE NEREIDI"
TORINO
  • TELEFONO ROSA DI TORINO
Via Assietta 13/A - 10128 Torino Tel. 011/530666 - 011/5628314 - Fax 011/549184
  • ASSOCIAZIONE DONNE CONTRO LA VIOLENZA
C/o Casa delle Donne
Via Vanchigia, 3 - 10124 TORINO Tel. 011/8122519 - Fax 011/837479

TOLMEZZO (UDINE)
Sportello Antiviolenza - Associazione IOTUNOIVOI - Donne Insieme
Via Spalto 9/G - Tolmezzo - Tel. 0433/94094 - fax 0433/457654 - cell. 320/4242936 - ass.idi@infinito.it - www.iotunoivoi.it
TRANI
  • CENTRO ANTIVIOLENZA E ANTISTALKING SAVE
Via G. di Vittorio n. 60 - TRANI
Tel e fax 0883/501407 - mail: savetrani@virgilio.it
TRENTO
  • ASSOCIAZIONE LAICA FAMIGLIE IN DIFFICOLTA'
Via S. Francesco d'Assisi, 10 - 38100 TRENTO
Tel. 0461/235008 - TRENTO vedi RIVA DEL GARDA
  • CENTRO ANTIVIOLENZA DI TRENTO
Via della Dogana, 1 - 38100 TRENTO

TREVISO
  • TELEFONO ROSA
Via Canova, 44 - 31100 TREVISO Tel. 0422/53022
TRIESTE
  • GOAP Centro antiviolenza
Via S. Silvestro 3/5 - 34132 TRIESTE Tel./Fax 040/3478827 - www.goap.it - info@goap.it
VARESE
  • ASSOCIAZIONE EOS
Centro ascolto donna
Via Staurenghi 24, 21100 Varese Tel. 0332/231271 fax 0332/496511- eosvarese@virgilio.it

VENEZIA - MESTRE
  • ASSOCIAZIONE DONNE CON LE DONNE
C/o Centro Donna
Viale Garibaldi, 155/A - 30174 VENEZIA - MESTRE Tel. 041/5342991 - Fax 041/5342862
  • CENTRO ANTIVIOLENZA c/o Centro Donna
Via Garibaldi, 155/A - 30174 VENEZIA-MESTRE Tel.041/5349215 - Fax 041/5342862
VERONA
  • TELEFONO ROSA di VERONA
Via Santa Toscana - POIANO (VR) Tel.045/8015831
VICENZA
  • DONNA CHIAMA DONNA
Via Torino, 11 - VICENZA Tel/Fax 0444/542377 - bogarf@iol.it
pagina modificata il 8/9/2013

FONTE:




Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI