Cerca in Tutto Donna

mercoledì 19 ottobre 2016

Bellezza, le 5 cose che non sapete per avere labbra più carnose

Con gli iniettabili di nuova generazione è possibile ottenere risultati duraturi e naturali. «Attenzione ai filler permanenti: anche se si parla spesso di celebrità che hanno deciso di "sgonfiarsi", in realtà rimuoverli è un'operazione molto complicata» avvertono i medici di ChirurgiadellaBellezza.


Sono sempre di più gli italiani che ritoccano le labbra per averle più carnose. 

Le tecniche per aumentarne il volume non mancano e si va da quelle che hanno un effetto limitato nel tempo, con la medicina estetica, alle soluzioni chirurgiche permanenti. 

Di alternative, e di possibili conseguenze, ne ha parlato Raffaele Rauso, chirurgo plastico di ChirurgiadellaBellezza insieme con Pierfrancesco Bove, ad Agorà, congresso di medicina estetica organizzato nei giorni scorsi a Milano. 

Ecco quindi alcune cose poco conosciute sull'aumento della labbra.

1)      Sono oggi disponibili iniettabili che permettono di ottenere risultati duraturi (fino a un anno e mezzo) e naturali. «I filler riassorbibili sono la soluzione più efficace per aumentare le labbra: hanno una durata limitata nel tempo, e consentono di tornare come si era prima se il risultato non piace. 
Se anni fa il risultato durava all'incirca tre mesi, con il tempo si è andati via via modificando la formulazione e, da un paio di anni, sono disponibili nuovi filler in cui l'effetto dell'acido ialuronico dura più di un anno, con un risultato migliore. Dopo l'iniezione si può avere un edema transitorio che dura 24/48 ore e si può coprire con il trucco» afferma Rauso.

2)      Le cosiddette "labbra a canotto" si possono sgonfiare con la chirurgia. Si tratta di una richiesta che arriva ai chirurghi anche sulla scia di notizie che riguardano celebrità, come Nina Moric o Francesca Neri, che hanno deciso di rioperarsi. 
Ma ci sono molti problemi da considerare. «Esistono pazienti trattate con filler permanenti, il cui uso per le labbra è considerato off label dal '92. I problemi possono insorgere da 6 mesi a 20 anni dopo l'iniezione – dice ancora Rauso -. Eliminare il filler permanente è possibile, ma complicato dal punto di vista chirurgico e con un post operatorio  abbastanza impegnativo. L'intervento si esegue in day hospital con sedazione e in seguito, per un mese, è visibile l'edema e i punti di sutura che, sulle labbra, portano una serie di problemi. 
Almeno per le prime tre settimane dopo l'operazione bisogna stare attenti a non ridere eccessivamente, per non far saltare i punti, e può essere necessario fare fisioterapia per ridurre la tensione cicatriziale nei primi mesi post operatori. Questo è piuttosto limitante per la vita sociale. 
Per molte, l'unico periodo in cui assentarsi così tanto dalla vita sociale è l'estate, ma è sconsigliato eseguire l'intervento in questa stagione perché l'edema verrebbe esacerbato dal caldo e la disidratazione legata all'esposizione solare inficia il processo di cicatrizzazione post operatorio. 
Per questo molte pazienti rinunciano a operarsi: personalmente ne visito almeno 3-5 a settimana, ma solo una su 10 decide poi di procedere».

3)      Chi vuole una soluzione definitiva per aumentare il volume delle labbra ha tre alternative
«È possibile inserire una protesi nelle labbra: il risultato estetico è buono, ma, poiché la protesi viene posizionata direttamente tra mucosa e muscolo c'è la certezza che, al tatto, si senta. 
Un'alternativa  è l'innesto dermoadiposo che consente un aumento volumetrico utilizzando tessuto proprio: tuttavia è consigliabile farlo solo se sul proprio corpo è già presente una cicatrice, oppure se la paziente ha programmato un intervento chirurgico che determini delle cicatrici (lifting facciale, mastopessi, addominoplastica, etc).  
Terza possibilità è il lipofilling: si trapianta grasso della paziente e lo si infiltra nelle labbra. 
C'è però il problema di un'alta percentuale di riassorbimento dovuta alla peculiare anatomia di quest'area; quindi, per avere un risultato definitivo accettabile, bisogna iniettare tre volte quello che poi resterà. E, nel primo periodo, si avranno delle labbra esagerate».

4)      Per far sembrare le labbra più grandi, a volte basta un "lip lift": «Sollevando i tessuti è possibile mantenere volume ricompattandolo senza inserire materiale estraneo. 
I risultati estetici sono buoni, ma bisogna considerare che ci sono delle cicatrici» dicono gli specialisti di ChirurgiadellaBellezza.

5)      Attenzione agli eccessi. La tendenza ad aumentare il volume delle labbra è diffusa tra le donne di tutte le età, ma a volte si riscontrano risultati poco naturali. 
«Alcune pazienti dopo una prima "punturina" per dare un po' di volume sono lusingate dai complimenti che ricevono e pensano che, aumentando la quantità di filler iniettato, saranno ancora più belle. 
Si innesca così un meccanismo che porta a eccedere: è importante trovare un medico serio, capace di dire basta ai risultati troppo artificiosi» concludono Rauso e Bove.



ChirurgiadellaBellezza è un surgery network che si occupa di Medicina e Chirurgia Estetica in Lombardia, Lazio, Campania e Puglia. 
L'équipe, guidata dai chirurghi plastici Raffaele Rauso e Pierfrancesco Bove, è composta da anestesisti, infermieri e personal assistant. 
Gli standard che garantisce sono elevatissimi in tutte le città in cui opera.  
La filosofia di ChirurgiadellaBellezza si basa non solo sulla ricerca di risultati armonici e naturali, ma anche sull'assistenza costante al paziente prima, dopo e durante l'intervento.


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI