Cerca in Tutto Donna

martedì 8 marzo 2016

8 marzo, "Here's to you": le donne del Burkina Faso cantano per dire "Mai più spose bambine"

Ulteriori adesioni di attivisti e difensori dei diritti umani dal Messico, dall'Italia e dalla Thailandia.

In occasione dell'8 marzo, Giornata internazionale delle donne, le attiviste del Burkina Faso Hortence Lougué e Kiswendsida Noelie Kouragio in Italia per una serie di incontri di sensibilizzazione nell'ambito della campagna "Mai più spose bambine" di Amnesty International, che mira a porre fine ai matrimoni precoci e forzati, hanno scelto di rispondere all'appello di Roberto Saviano e cantare "Here's to you".

Roberto Saviano, l'autore di "Gomorra" e "Zero zero zero" che denuncia da anni le violenze dello stato e del crimine organizzato, ha invitato tutti a far sentire la propria voce e cantare "Here's to you", la ballata di Joan Baez ed Ennio Morricone che negli anni '70 onorò la storia di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, messi a morte negli Usa nel 1927, per tutti i Sacco e Vanzetti di oggi.

Anche Marisela Ortiz dal Messico, Porpora Marcasciano dall'Italia e Mimi Tao dalla Thailandia sostengono la campagna "Here's to you" lanciata da Amnesty International Italia con Roberto Saviano. Tutti i video sono online su herestoyou.it

Hortence Lougué e Kiswendsida Noelie Kouragio sono attiviste per i diritti delle donne in Burkina Faso. Hortence Lougué ha fondato l'Association d'appui et d'eveil (PUGSADA) che difende le bambine costrette al matrimonio precoce e lotta contro la pratica delle mutilazioni genitali femminili, che ancora oggi in Burkina Faso riguarda il 77% delle donne. Kiswendsida Noelie Kouragio è la coordinatrice nazionale dell'attivismo giovanile per Amnesty International Burkina Faso.

Marisela Ortiz dal 2001 difende le donne che lavorano o transitano a Ciudad Juarez, in Messico. Lì muore una donna ogni 29 ore. Le vittime vengono ritrovate nel deserto, violentate e sfigurate. Il governo fa passare gli omicidi come episodi legati al narcotraffico, ma le donne uccise non hanno spesso alcun contatto con la criminalità. L'associazione di Marisela lotta per raggiungere la verità e per porre fine a questi crimini. Suo genero, attivista per la stessa causa, è stato assassinato nel 2009 e lei stessa da allora vive sotto scorta.

Porpora Marcasciano, è presidente del MIT, Movimento Identità Transessuale. É una vita che si dedica alla lotta per i diritti LGBTI. Ma ancora oggi, in Italia esistono discriminazioni sul piano dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere.

Mimi Tao, è una modella transgender. Nata come Phajarat Nobantao, in una famiglia benestante nella Thailandia orientale. Fu mandato dai genitori a studiare in un monastero buddista ma dopo sei anni è andato via per diventare con coraggio ciò che è oggi. Ha subìto discriminazioni e ingiustizie dal mondo della moda, ma oggi è una modella di successo.

Tornare a cantare "Here's to you" significa mostrare che la lotta alle ingiustizie non è finita e che tutti i Sacco e Vanzetti di oggi non sono soli: perché questo inno per i diritti umani diventi il simbolo dell'impegno di Amnesty International in Italia e nel mondo, insieme a quanti crederanno che il mondo sarà migliore quando sentiremo nostre le ingiustizie del mondo.

Il video-appello di Saviano è stato realizzato da Saatchi & Saatchi in collaborazione con Think Cattleya, per la regia di Bosi & Sironi, disponibile in formati video e radio da 30''. Grazie a SIAE per l'aiuto e la collaborazione nel rilascio della licenza. Le persone che risponderanno all'appello avranno la possibilità di registrare o up-loadare un video della canzone attraverso il sito herestoyou.it Con i contributi raccolti sarà realizzato un unico videoclip da mostrare al mondo per coinvolgere sempre più persone a sostenere Amnesty International e offrire il proprio contributo per la tutela dei diritti umani ovunque essi siano violati. Per partecipare, far sentire la propria voce e seguire la campagna sui social network è possibile usare l'hashtag #herestoyou


Roma, 8 marzo 2016



Per maggiori informazioni sulla campagna "Mai più spose bambine" per l'8 marzo 2016: www.amnesty.it/burkina




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI